Che cos’è la Pneumologia?

Autore: Dott. Simone Bianconi
Pubblicato: | Aggiornato: 18/11/2018
Editor: Top Doctors®

Il Dott. Simone Bianconi, esperto in Malattie dell’Apparato Respiratorio a Roma, ci spiega di cosa si occupa la Pneumologia e in che modo vengono diagnosticate quelle patologie che influiscono sulla nostra respirazione

 

 

1) Dott. Bianconi, di cosa si occupa la Pneumologia?

La Pneumologia è quella branca medica che si occupa della prevenzione e del trattamento della malattie dell’apparato respiratorio.

Sfortunatamente, queste patologie sono in costante aumento a causa di numerosi fattori: fumo di sigaretta; inquinamento atmosferico; esposizione professionale; familiarità; etc. Inoltre, le malattie respiratorie rappresentano oggi la quarta causa di morte.

 

2) Quali sono le malattie respiratorie più diffuse?

Le malattie respiratorie più diffuse sono l’asma bronchiale, la rinite allergica e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

L’asma bronchiale, patologia che colpisce qualsiasi fascia di età, è causata da un’ipersensibilità individuale agli allergeni presenti nell’aria e/o negli alimenti. Si può riconoscere da sintomi quali l’affanno, la tosse e il respiro con “fischio”. Spesso è accompagnata anche da rinite allergica, che provoca starnuti, ostruzione nasale e rinorrea.

La BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva) presenta alcune caratteristiche della bronchite cronica e altre dell’enfisema polmonare. Il fumo di sigaretta, l’inquinamento atmosferico, l’esposizione professionale agli agenti chimici e la familiarità sono le principali cause di questa patologia, destinata a diventare la terza causa di morte entro il 2020. I sintomi principali sono l’affanno, la ridotta resistenza allo sforzo, la tosse con catarro: questi sintomi peggiorano gravemente con il tempo. Se sottovalutata o non diagnosticata, la BPCO può portare all’insufficienza respiratoria cronica e alla necessità di ricorrere all’ossigenoterapia continuativa per almeno 18 ore al giorno.

 

3) Come si esegue la diagnosi delle malattie respiratorie?

Per diagnosticare una malattia respiratoria è necessario eseguire:

- Una scrupolosa anamnesi del paziente, valutandone la storia clinica familiare, professionale e patologica;

- Una spirometria, esame che misura la   quantità del respiro. Quest’esame permette di eseguire diagnosi e di controllare eventuali patologie nel tempo;

- Test allergici cutanei, per capire quali sono gli allergeni che innescano la reazione allergica nel paziente;

- Una saturimetria, che misura l’ossigenazione del sangue;

- Una saturimetria domiciliare notturna, che permette di evidenziare eventuali carenze di ossigenazione durante la notte.

Grazie a tutti questi esami e test sarà possibile informare il paziente sui fattori di rischio da evitare, sui fattori scatenanti, sulla terapia farmacologica e su quali sono i controlli pneumologici da eseguire periodicamente.

 

Editor Karin Mosca

Dott. Simone Bianconi
Pneumologia e Malattie Respiratorie

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies