Come riconoscere e curare l'enuresi

Come riconoscere e curare l'enuresi

Autore: Top Doctors®
Pubblicato: | Aggiornato: 15/08/2018
Editor: Top Doctors®

A partire dai 5 anni d’età, è molto comune che i bambini iniziano a controllare il bisogno di fare pipì. Se questo non accade ed il bambino soffre di minzione involontaria, è quando gli esperti in Pediatria parlano di enuresi.

 

Che cos’è l’enuresi?

L’enuresi è un disturbo dell’infanzia, e consiste nella fuga d’orina intermittente, involontaria ed incontrollabile, soprattutto durante il sonno. Non si tratta di una vera e propria malattia, ma di un sintomo che può avere molte origini.

Può essere classificata in due tipi:

  1. Enuresi monosintomatica, quando la fuga notturna di urina non è associata a sintomi giornalieri.
  2. Enuresi non monosintomatica, quando esistono altri sintomi oltre all’incontinenza notturna.

 

L’enuresi, un problema molto frequente

L’enuresi è un problema molto comune nei bambini. Secondo recenti studi, circa il 25% dei bambini sotto i 10 anni soffrono di questo disturbo. Fortunatamente, tende a scomparire con l’età, ed è più comune nei maschietti che nelle femminucce.

Il trattamento dell’enuresi consiste nel cercare di correggere certi comportamenti o abitudini che possano influire sul disturbo (controllare la dieta o la quantità di liquidi ingeriti dal bambino) e, dipendendo dalla gravità del problema, in un trattamento farmacologico (antidepressivi).

 

 

 

Articolo redatto grazie alla collaborazione del Dottor Caffaratti, Pediatra

 

 

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Pediatria


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies