Dieta e sport per combattere il fegato grasso

Autore: Prof. Antonio Picardi
Pubblicato:
Editor: Giulia Boccoli

Le buone abitudini a tavola e nel tempo libero possono prevenire l’aumento di grasso all’interno del fegato: ne parla il Prof. Antonio Picardi, esperto in Medicina Interna a Roma


Il fegato grasso è una condizione patologica che si caratterizza per l’aumento del contenuto di grasso (soprattutto, trigliceridi) all'interno delle cellule del fegato (epatociti). Normalmente il contenuto di trigliceridi negli epatociti è meno del 5% del peso dell’organo. Al di sopra di questo limite si parla si Steatosi Epatica.


La steatosi è per lo più asintomatica. In alcuni casi, il paziente può avvertire una sensazione di pesantezza o addirittura un dolore sotto il costato destro. Più raramente può essere accusata astenia, sonnolenza o dispepsia (digestioni lente).


I fattori di rischio coincidono con sovrappeso/obesità, ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia e diabete. 
La prevenzione e la terapia della steatosi epatica si basano sul trattamento dei fattori predisponenti e, in particolare, del sovrappeso e della dislipidemia. 
Generalmente si consiglia:

  • Una dieta ben bilanciata con pochi grassi, ricca di fibre (verdure e frutta fresca) con una preferenza per il pesce rispetto ad altre carni, etc. 
  • Consultare un Nutrizionista che possa guidare il paziente nel perseguire gli obiettivi di dimagrimento e/o mantenimento del peso corporeo
  • L'attività fisica aerobica (passeggiate a passo svelto, corsa, nuoto, bici, etc.) per almeno 3 ore a settimana

 

Prof. Antonio Picardi
Medicina interna

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies