I controlli medico-sportivi realizzati in profondità

Autore: Top Doctors®
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

I controlli medico-sportivi sono utili ad individuare precocemente delle patologie che potrebbero causare la morte improvvisa di uno sportivo. Il nostro esperto in Medicina dello Sport ci parla delle analisi da effettuare e delle possibili patologie che potrebbero essere individuate

In cosa consistono i controlli medico-sportivi?

Quando ci troviamo di fronte ad uno sportivo, la prima cosa da chiedere è chi è, come sta, che capacità possiede o quali sforzi può sopportare. La risposta ci fornirà un’immagine dello sportivo e questo è il controllo medico-sportivo: un’immagine con tutti i dati necessari per poter dare a questo sportivo consigli e raccomandazioni. Con tutte queste informazioni possiamo fare tutto il possibile per migliorare la sua salute e fare in modo che pratichi il suo sport in maniera sicura.
Conoscere la storia clinica dello sportivo è sempre la prima fase del procedimento del controllo medico-sportivo. Con questo possiamo conoscere i suoi antecedenti, le sue malattie, quelle della sua famiglia, le ore che dedica allo sport ed i suoi obiettivi. In seguito, si effettuerà la scansione di riposo con l’elettrocardiogramma a riposo, l’auscultazione, il controllo della pressione, del polso, l’analisi delle articolazioni ed il bilanciamento muscolare.
L’elettrocardiogramma a riposo rileva le alterazioni che controindicano lo sforzo. In seguito, effettueremo la prova da sforzo. Con questo esame si monitora lo sportivo provocandogli uno sforzo progressivo. Se non ci sono controindicazioni si arriverà allo sforzo massimo e si controllerà il recupero, una fase di vitale importanza: il modo in cui uno sportivo recupera è come una carta d’identità.

L’importanza del controlli medico-sportivi

Tutti dovrebbero eseguire un controllo medico-sportivo per evitare numerosi problemi, pensando alla morte improvvisa come principale pericolo. L’elettrocardiogramma a riposo è vitale per individuare patologie che possono comportare la morte improvvisa dello sportivo in momenti di sforzo massimo.

Patologie che vengono individuate nei controlli medico-sportivi

Nei soggetti con meno di 35 anni con un semplice elettrocardiogramma a riposo possiamo vedere se ha una delle seguenti patologie:


- Cardiomiopatia Ipertrofica
- Displasia Aritmogena
- Origine Anomala delle Coronarie
- Sindrome di Brugada
- Tachicardia Ventricolare Polimorfa Catecolaminergica
- Commotio Cordis (Disturbi cardiaci)
- Sindrome del QT lungo


Nei soggetti maggiori di 35 anni la causa più frequente di morte improvvisa è la Coronaropatia Ateromasica, che può essere individuata durante la prova sotto sforzo.

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Medicina dello sport


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies