Il laser più utile per la chirurgia odontoiatrica

Autore: Top Doctors®
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

 

La tecnica laser consiste nell’applicazione di una luce laser su tessuti specifici esercitando un’azione mirata e precisa. Nel caso specifico, ovvero l’applicazione di tale tecnica per le patologie orali, si tratta di un laser che si applica sui tessuti della bocca, sia denti che gengive, ossa o qualsiasi altro tessuto sul quale può essere applicata la luce. Ce ne parla l'esperto di Top Doctors in Odontoiatria

Quali vantaggi offre la tecnica del laser dentale?

I vantaggi sono indiscutibili. Innanzitutto, la tecnica del laser dentale risulta selettiva: si applica solo ai tessuti che presentano una particolare patologia. In secondo luogo, questa tecnica permette la sterilizzazione, ovvero durante la resezione o l’eliminazione dei tessuti malati vengono debellati i batteri che sono presenti nella zona trattata. Infine, è un procedimento indolore; difatti, sfruttando la tecnologia laser, l’anestesia impiegata è minima se non inesistente (come nel caso di otturazioni). In sostanza, la tecnica laser risulta una tecnica minimamente invasiva che offre tutti i vantaggi delle tecniche convenzionali e non prevede particolari effetti collaterali.

 

La tecnica laser dentale può essere utilizzata per qualsiasi patologia orale?

Sì, la tecnologia laser può essere impiegata per tutte le patologie della bocca e in tutte le sub-specialità della odontostomatologia. Pertanto, viene applicata nell’odontoiatria conservativa per realizzare otturazioni, per trattamenti periodontali o gengivali, nel campo della chirurgia (permette di realizzare interventi esangue e accurati al 100%), dell’implantologia (per trattare impianti instabili o per inserirne nuovi), delle protesi e, come già accennato, per il trattamento della sensibilità dentinale.

 

Quali comportamenti da seguire dopo l’intervento basato sulla tecnica laser dentale?

È fondamentale seguire i consigli e gli avvertimenti del dentista. Bisogna comunque considerare che gli interventi sono molto meno invasivi, richiedono minor tempo e l’anestesia non è prevista nella maggior parte dei casi. Inoltre, il paziente è tenuto a seguire semplici accorgimenti post-operazione e in pochissimo tempo può tornare a svolgere le normali attività quotidiane. 

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Odontoiatria


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies