Il linfedema e tumore al seno

Autore: Top Doctors®
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

 

Il linfedema consiste nella difficoltà di drenaggio della linfa negli arti inferiori. La linfa non è altro che un liquido che circola attraverso i vasi sanguigni e costituisce parte del sistema linfatico. Tale anomalia nella circolazione della linfa può dar luogo al gonfiore dell’arto. Cause e trattamenti ci vengono illustrati dall’esperto in Angiologia

Cause del linfedema nelle pazienti con tumore al seno

Vi sono vari fattori legati alla comparsa del linfedema. Uno di questi è associato all’estirpazione dei linfonodi ascellari, difatti ad numero elevato di linfonodi estirpati corrisponde una maggior probabilità di manifestare il linfedema; analogamente il trattamento radioterapeutico a livello ascellare aumenta il rischio di comparsa di tale condizione. Una ferita chirurgica estesa o il ritardo della cicatrizzazione di questa rappresentano un fattore di rischio. Infine, il linfedema può manifestarsi anche in presenza di tumori che coinvolgono i linfonodi linfatici cervicali o del torace, di cicatrizzazione patologica dei condotti linfatici ascellari causata da radioterapia o infezione e di obesità trattata per via chirurgica. La comparsa di linfedemi nelle pazienti affette da tumore al seno dipende in gran parte dal trattamento alle quali si sottopongono: coloro che hanno subito biopsia del linfonodo sono più propense a sviluppare questo disturbo della circolazione, mentre coloro che si sono sottoposte a tecnica del linfonodo sentinella manifestano più difficilmente il linfedema. L’incidenza è variabile tra l’8% e il 56% nei due anni successivi all’intervento chirurgico. I fattori citati in precedenza giocano un ruolo chiave in questo tipo di disturbo.

 

Trattamento del linfedema

Il trattamento del linfedema dev’essere guidato da uno specialista di tale disturbo, in genere fisioterapisti. La tecnica più efficace consiste nel linfodrenaggio manuale, durante il quale lo specialista effettua massaggi mirati a condurre il drenaggio linfatico fino ai vasi linfatici non colpiti dal cancro. Nei mesi successivi i pazienti dovranno indossare fasce compressive specifiche.

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Angiologia


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies