Il Minilifting del viso

Autore: Dott. Luigi Canta
Pubblicato:
Editor: Valentina Rubino

Cancellare i segni del tempo è un desiderio di molte persone, che spesso però viene messo da parte a causa della paura di andare sotto i ferri. Oggi, grazie al Minilifting, è possibile ringiovanire senza alcun timore. Ne parla il Dott. Luigi Canta, esperto in Chirurgia Plastica ed Estetica a Napoli

Che cos’è il Minilifting del viso?

Il Minilifting è una della tecniche meno invasive utilizzate nel campo della Chirurgia Plastica. Viene utilizzata per combattere i primi segni del tempo ed è una procedura meno traumatica rispetto al normale procedimento di Lifting al viso. Il Minilifting viene effettuato intervenendo chirurgicamente su determinate zone del viso nelle quali si sono evidenziati i primi segni dell’invecchiamento. Negli ultimi anni la richiesta da parte dei pazienti di sottoporsi a interventi mediante la tecnica di Minilifting è davvero aumentata, perché consente correzioni molto durature nel tempo senza evidenti segni di intervento.

Che zone è possibile trattare?

Il Minilifting permette di sollevare la parte degli zigomi o quella del sopracciglio; è possibile inoltre eliminare i tessuti cadenti ai lati della bocca e portare nuovamente in tensione la zona del collo, che molto spesso presenta antiestetici rilassamenti. Il vantaggio del Minilifting è che può interessare anche solo alcune zone del viso. Le cicatrici sono veramente poco visibili grazie al fatto che vengono ben nascoste la parte frontale o posteriore dell’orecchio. Si consiglia questa tecnica ai pazienti più giovani, i quali riescono ad effettuare piccole correzioni senza grandi sacrifici.

Come avviene l’intervento di Minilifting?

L’intervento di Minilifting viene realizzato in anestesia locale, prevede che siano praticate piccole incisioni ed è minimamente invasivo. La posizione delle incisioni e le cicatrici eventuali dipendono dall’anatomia del paziente e dalla preferenza del chirurgo. In entrambi i casi la cicatrizzazione sarà praticamente invisibile agli altri. Il Minilifting non richiede l’utilizzo di medicazioni compressive di eccessiva ampiezza e non vi è alcun rischio chirurgico.

Il pre-operatorio  

Prima dell’intervento di Minilifting è fondamentale effettuare un’attenta valutazione delle aree da trattare e selezionare le metodologie e gli strumenti da utilizzare. Di fondamentale importanza per il paziente è procedere con l’effettuare gli esami ematochimici prescritti dal Chirurgo in sede di consulenza.

Il post-operatorio

Per il post-operatorio è necessaria una leggera medicazione con cerotti di carta per le prime 24 ore, mentre sono richiesti 8-10 giorni per il ritorno alle normali attività quotidiane. Il recupero è generalmente più rapido rispetto al tradizionale Lifting al viso, grazie alla tecnica mini invasiva. Dopo la chirurgia il paziente è obbligato a sottoporsi al controllo postoperatorio, generalmente uno a settimana per il primo mese dall’intervento, poi uno ogni quindici giorni nel secondo mese dall’intervento. Uno ogni mese nei successivi 4 mesi, dopodiché si consiglia sempre un controllo all’anno.

Dott. Luigi Canta
Chirurgia plastica e estetica

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies