L'intervento al naso con la chirurgia endoscopica nasale

Autore: Top Doctors®
Pubblicato: | Aggiornato: 20/11/2017
Editor: Top Doctors®

Qual è la chirurgia endoscopica nasale ?

Come suggerisce il nome è che facciamo chirurgia all'interno del naso utilizzando un endoscopio, uno strumento portatore di luce che ci permette di lavorare all'interno di questi pozzi e cavità che li (seni) circondano. Inoltre permette di lavorare in orbita e lacrimali percorsi. Con la collaborazione del neurochirurgo possiamo anche trattare pituitaria e tutte le malattie e tumori che sono in contatto con la chiamata base del cranio , cioè, vicino alle narici.

I vantaggi della chirurgia endoscopica nasale lavoriamo attraverso una cavità naturale, quindi non c'è bisogno di fare qualsiasi tipo di incisione come prima, quando le incisioni sono fatte vicino al naso, labbro inferiore o superiore cranio dover sollevare l'intera cavità cranica per accedere a questa zona. La cosa più logica è quella di accedere dalla narice propria patologia ci appare in questo settore.

Quali condizioni possono essere trattati con questo tipo di intervento?

È possibile provare tutti i tipi di malattie, dalle piccole deviazioni paratia sinusite , polipi , tumori benigni, il targeting tumori specifici, malattie della patologia lacrimale dell'orbita e decompressione orbitale o tumori orbitali. Con l'aiuto del neurochirurgo può operare tumori ipofisari, i tumori della base del cranio dal cervello, come meningiomi, meningoceli e fistole cerebrospinale, chordomas liquido, tra gli altri.

Che tipo di anestesia saranno utilizzati?

Si è soliti utilizzare l'anestesia generale, in quanto ci sono solo un paio di malattie e interventi chirurgici in cui viene utilizzato l'anestesia locale, in quanto è molto circoscritto chirurgia laser del seno del lacrimale e patologia.

Come è pazienti post-operatorio?

La maggior parte dei pazienti sono sorpreso di quanto poco fastidioso è il periodo postoperatorio. Input non sono più di una notte e può anche lasciare lo stesso giorno a seconda del tipo di intervento chirurgico e nei casi di tumori della base cranica. Tutto ciò che facciamo in collaborazione con il neurochirurgo, abbiamo ridotto la permanenza da quasi 10 a 15 giorni a 2, 3 o 4 giorni al massimo nella clinica.

Fonte: Dr. Humbert Massegur Solench
 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Otorinolaringoiatria


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies