La malformazione del seno tuberoso

Autore: Top Doctors®
Pubblicato:
Editor: Valentina Rubino

Il seno a volte può presentare delle differenze di forma e volume. Nel caso si trattasse di "seno tuberoso", non ti deve preoccupare. Il nostro esperto in Chirurgia Plastica ti spiega il perché…

Che cos’è il seno tuberoso?

Con “seno tuberoso” si indica la condizione nella quale una o entrambe le ghiandole mammarie sono soggette a malformazioni. La ghiandola mammaria si sviluppa in maniera anomala, assumendo una forma stretta e lunga. I seni presentano inoltre delle dimensioni diverse e iniziano a svilupparsi nelle donne già nel periodo adolescenziale, causando così disturbi psicologici e insicurezza nel relazionarsi con altre persone o anche durante le semplici attività quotidiane, come andare in palestra, prendere il sole o in privato.

L'esame preliminare è essenziale; la cosa più importante è una buona diagnosi, differenziando un seno tuberoso da un seno normale, per individuare così il trattamento più appropriato per la correzione del seno. Questo perché un aumento di seno che non prende in considerazione la sua forma, può aggravare la malformazione.

Come si presenta il seno tuberoso?

  • Il seno tuberoso è di piccola dimensione
  • Quasi l'intera ghiandola si trova posizionata dietro l'areola
  • L'areola è caratterizzata da un diametro più grande del normale e più sporgente
  • Mancato sviluppo del polo inferiore del seno che lascia un importante solco sottomammario
  • I seni hanno una forma allungata, più separata del normale e sono asimmetrici.

Qual è il trattamento per il seno tuberoso?

Per il trattamento del seno tuberoso, non è sufficiente introdurre una protesi. L'intervento chirurgico deve anche ridurre le dimensioni dell'areola, lasciando così una singola cicatrice attorno ad essa. Internamente, la ghiandola deve essere rimodellata per consentire la sua espansione sia verticalmente che orizzontalmente.

La forma della ghiandola cambia così in un unico intervento: la paziente avrà seno piccolo ma di forma normale. In seguito a questa prima operazione, il chirurgo potrà inserire una protesi per finire di plasmare la forma e regolare la dimensione del seno.

L'intervento dura meno di due ore, viene eseguito in anestesia generale e richiede che la paziente rimanga in clinica per almeno per 24 ore.

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Chirurgia plastica e estetica


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies