La selezione spermatica tramite colonne di annessina

Autore: Top Doctors®
Pubblicato: | Aggiornato: 21/09/2017
Editor: Top Doctors®

Il DNA spermatico frammentato è uno dei fattori responsabili dell’infertilità. Grazie allo studio di questa patologia, molte coppie con difficoltà a concepire sono riuscite a risolvere il loro problema e a diventare genitori.

 

 

Procreazione Assistita: quali tecniche esistono?

 

Le tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita sono molteplici: ICSI (iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo); TESA (agoaspirazione di spermatozoi testicolari), che prevede la selezione degli spermatozoi aspirandoli direttamente dal testicolo; IMSI (Iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi morfologicamente selezionati); PICSI (iniezione intracitoplasmatica preselettiva degli spermatozoi); MACS (selezione magnetica di spermatozoi), che prevede l’utilizzo di spermatozoi precedentemente passati attraverso le colonne di annessina V.

 

Perché scegliere la tecnica delle colonne di annessina?

 

La tecnica delle colonne di annessina permette una selezione specifica degli spermatozoi eiaculati, cioè permette di riconoscere gli spermatozoi che presentano un DNA intatto e che, quindi, hanno più probabilità di dare origine ad un embrione sano.

 

Naturalmente, prima di usufruire di questa tecnica, è necessario diagnosticare la patologia spermatica da cui si è affetti. Infatti, ci potrebbero essere altri disturbi che incidono negativamente sulla qualità del seme (varicocele, criptorchidismo, infezioni, etc.), che devono essere curati con delle terapie adeguate. 

Fonte: Dra. Vanesa Rawe
 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Procreazione assistita


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies