Mastoplastica & Addominoplastica: più belli con la chirurgia

Autore: Prof. Antonio Ottaviani
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

 

Oltre alla mastoplastica, anche l’addominoplastica rientra tra gli interventi più richiesti per il miglioramento del proprio corpo. Ma cosa prevedono questi due differenti interventi? E per chi sono più indicati? Ce lo spiega l’esperto in Chirurgia Plastica a Roma, Prof. Antonio Ottaviani

 

1) Addominoplastica: quando è indicato l’intervento?

L’intervento di addominoplastica è indicato in tutti i casi in cui ci siano i postumi di una gravidanza o, eventualmente, di un dimagrimento eccessivo. Oltre ad eliminare la cute e il grasso in eccesso, l'addominoplastica serve a rimodellare tutta la parete addominale, poiché durante l’intervento, quando eseguito correttamente, si effettua anche una plastica della muscolatura dei retti addominali per dare piattezza all’addome.

 

2) Addominoplastica: in che consiste l’intervento?

L’intervento di addominoplastica consiste nell’eliminazione di tutta la cute e del grasso in eccesso attraverso un’incisione nella regione inguinale e una all’interno dell’ombellico. Viene anche eseguita una plastica della muscolatura dei retti addominali per appiattire maggiormente l’addome.

È necessaria una degenza in ospedale o in casa di cura di due notti, dopodiché il decorso postoperatorio prevede un riposo di almeno due settimane in posizione semi-seduta, la posizione ideale per evitare di trazionare troppo il lembo addominale stirato.

Si ritorna alle normali attività dopo due o tre settimane e si può cominciare a far ginnastica dopo un mese o un mese e mezzo dall’intervento.

 

3) Quando è indicato l’intervento di mastoplastica additiva?

L’intervento di mastoplastica additiva è indicato per tutti i casi in cui sia necessario aumentare il volume delle mammelle. I motivi possono essere vari: condizioni idiopatiche, ovvero una paziente che è sprovvista di ghiandola mammaria o che ne ha in quantità limitata; in caso di dimagrimento; dopo un allattamento in cui ci sia stato rilassamento della cute mammaria.

 

4) Come viene effettuato l’intervento di mastoplastica additiva?

L’intervento di mastoplastica additiva viene effettuato, solitamente, attraverso un’incisione nel solco mammario o attraverso un’incisione periareolare. Le protesi vengono inserite in una tasca sottomuscolare o in una tasca sopramuscolare con la tecnica dual plane, una recente tecnica che permette di ottenere risultati naturali.

Le protesi possono essere di tipo anatomico, quindi a forma di goccia, o rotonde. Questa scelta dipende dalla richiesta della paziente o dal tipo di mammella da modificare.

È necessaria una degenza di una notte in casa di cura, dopodiché la paziente deve indossare un reggiseno specifico per circa una settimana/10 giorni. Una volta tolto questo reggiseno, la paziente non avrà bisogno di alcun tipo di medicazione contenitiva.

 

Prof. Antonio Ottaviani
Chirurgia plastica e estetica

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies