Peeling: un trattamento per tutti | Top Doctors

Peeling e inestetismi cutanei: l’evoluzione di una metodica

Autore: Dott. Giuseppe Maria Izzo
Pubblicato: | Aggiornato: 18/08/2018
Editor: Top Doctors®

I moderni peeling chimici rappresentano un’arma formidabile, sicura ed economica nella correzione dei vari inestetismi cutanei. Ne parla l’esperto in Dermatologia e Medicina Estetica a Napoli, il Dott. Giuseppe Maria Izzo

Pelling: un trattamento adatto a tutti!

Negli ultimi venticinque anni, dopo la messa in commercio dei peeling all’acido glicolico a varie percentuali d’uso realizzati da Eugene Van Scott, geniale dermatologo americano che intuì le potenzialità correttive e terapeutiche degli alfa-idrossiacidi, numerosi medici e farmacologi hanno messo a punto una variegata e numerosa serie di peeling chimici e maschere attive, che ci consentono oggi di scegliere la tipologia più adatta alla patologia e al tipo di cute del paziente.

Il peeling chimico, oggi, è adatto praticamente a tutti i fototipi, dal tipo I, con cute chiara e capelli biondo-rossicci, al tipo V, tipico dell’Africa e degli afro-americani.

Molti ci dicono che il peeling non va praticato nei soggetti con fototipo V, ma sbagliano: la dimostrazione è nella grande casistica di Zein Obagi e Pearl Grimes negli Stati Uniti, di Amhed Bourra nel Marocco, di Eduardo Krulig dapprima in Venezuela e poi a Tenerife.

Oltre alla loro casistica e alla loro esperienza, ci preme ricordare le esperienze con pazienti indiani, cinesi e in genere dell’Estremo Oriente, che mostrano risultati notevoli nel trattamento del melasma.

Peeling: le giuste indicazioni nella correzione degli inestetismi e delle patologie

Dopo tanti anni di pratica di peeling chimici, siamo convinti che ogni problematica da risolvere ha ben più di una sola formulazione di peeling chimico: ogni medico praticherà quella di cui è padrone nell’utilizzo e che ha nella dotazione del proprio ambulatorio.

È consigliato avere in studio un assortimento più o meno ampio di formulazioni, da utilizzare a ragion veduta.                                                                                                                                                                             

Quali sono i peeling più adatti ai singoli inestetismi?

Nella nostra pratica clinica abbiamo valutato che, nella correzione del fotoaging, sono utili i peeling “strong”, come il moderno peeling al fenolo nelle sue varie percentuali d’uso, il TCA (non artigianale, ma prodotto da aziende certificate) con concentrazioni variabili dal 15 al 25%, oppure agenti chimici più soft, da utilizzare unitamente a creme o maschere attive con molecole modernamente formulate (nanostrutturate o liposomate) per poter essere veramente efficaci.

Nel trattamento del melasma cerchiamo di essere non invasivi ma progressivi, utilizzando agenti peeling “soft” e anche TCA a bassa concentrazione, facendo attenzione a non determinare eccessiva flogosi.

Infine, i peeling sono utili anche nell’acne attiva e cicatriziale. Nella prima sono utili tutti gli agenti peeling attivi sul follicolo pilo-sebaceo, come acido piruvico, acido salicilico e acido azelaico; nella forma cicatriziale è efficace l’utilizzo combinato di acido piruvico e TCA nella stessa seduta.

Peeling: la preparazione

Tutti i pazienti che si sottopongono ai peeling chimici devono seguire alcuni percorsi obbligati: nelle due settimane precedenti il trattamento e successivamente ad esso, quando la cute si ristruttura del tutto, devono utilizzare cosmeceutici specifici per l’inestetismo e il tipo di pelle, senza dimenticare l’indispensabile fotoprotezione alta o molto alta.

Concludendo, il peeling chimico oggi costituisce una splendida arma per combattere i vari inestetismi, ovviamente se in mano ad un medico che sia esperto nel loro utilizzo.

 

Editor Karin Mosca 

Dott. Giuseppe Maria Izzo
Dermatologia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies