Piede diabetico: la terapia corretta è quella multidisciplinare

Autore: Dott. Marco Murabito
Pubblicato: | Aggiornato: 19/06/2018
Editor: Top Doctors®

Piede diabetico: la terapia corretta è quella multidisciplinare! Il Dott. Murabito, esperto in Chirurgia Generale a Catania, spiega il perché

 

Cos’è il piede diabetico?

Il piede diabetico comprende un insieme di complicanze, ulcerative e non, che si manifestano agli arti inferiori dei pazienti diabetici. Il piede diabetico è una patologia temibile e insidiosa che se sottovalutata o trascurata, può condurre spesso ad amputazioni e/o addirittura mettere a repentaglio la vita stessa del paziente.

 

Come si manifesta il piede diabetico?

Il piede diabetico, attraverso le sue due cause principali, ovvero la neuropatia e l’arteriopatia, può manifestarsi con diversi quadri clinici, che spesso coesistono. La maggior parte delle volte si manifesta con delle lesioni cutanee, che infettandosi possono estendersi ai tessuti sottostanti raggiungendo le strutture profonde quali fasce, tendini delle articolazioni, ossa. Spesso si manifestano anche riduzione della sensibilità, malformazioni delle dita (ad esempio a martello), ischemia e gangrena. 

 

Come curare il piede diabetico?

La cura del piede diabetico impone una strategia terapeutica multidisciplinare. Si tratta infatti di una patologia talmente vasta e con una varietà tale di quadri clinici, che è impensabile che possa essere trattata da una singola figura professionale. Al giorno d’oggi è assodato che i risultati migliori si ottengono nei Centri specializzati che dispongono di un’equipe dedicata, in grado di offrire l’ampio ventaglio di interventi diagnostici e terapeutici necessari, tutti ad altissimo livello di specializzazione. 
In questo modo infatti si può ridurre l’incidenza e le entità delle amputazioni, migliorando sensibilmente la qualità di vita del paziente.
Il Centro Catanese di Medicina e Chirurgia dispone di un team multidisciplinare dedicato e altamente specializzato, che comprende il chirurgo, il diabetologo, l’emodinamista, l’angiologo, il microbiologo, il podologo, l’infermiere specializzato e il tecnico ortopedico. Dispone inoltre anche dei servizi di cardiologia, nefrologia ed emodialisi, spesso richiesti nella gestione dei casi più complessi.

 

Come prevenire il piede diabetico?

Per prevenire il piede diabetico, come per la maggior parte delle patologie, occorre innanzitutto eliminare i fattori di rischi e condurre uno stile di vita sano ed equilibrato. È indispensabile mantenere sotto controllo le glicemie, eliminare il fumo e, ove possibile, praticare attività fisica moderata. Bisogna quotidianamente prendersi cura della salute e dell’igiene dei propri piedi, mantenendo la cute pulita, idratata e priva di callosità. Proprio queste ultime infatti sono spesso causa di ulcere. Bisogna curare attentamente le unghie, che devono essere tagliate correttamente ed essere prive di infezioni micotiche. Bisogna poi evitare accuratamente tutti i traumi, anche quelli che apparentemente possono sembrare banali (camminare scalzi, calzature troppo strette, corpi estranei nelle scarpe, borse d’acqua calda, stufe), ma che possono portare a conseguenze disastrose. Infine bisogna prestare la massima attenzione a tutte quelle alterazioni come ad esempio gonfiore, dolore, formicolio, piedi pallidi, violacei e/o freddi, screpolature, vesciche o ferite che richiedono l’immediata consultazione da parte di un professionista.

 

Editor: Valerio Bellio

Dott. Marco Murabito
Chirurgia generale

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies