Prevenzione del melanoma e delle rughe

Autore: Top Doctors®
Pubblicato: | Aggiornato: 16/11/2018
Editor: Top Doctors®

L’incidenza del cancro alla pelle è aumentata drasticamente in questi ultimi anni. I fattori più importanti per lo sviluppo di questo tumore sono la presenza di un melanoma o l’eccessiva esposizione solare. Per questo il nostro esperto in dermatologia spiega in quest'articolo come proteggersi adeguatamente dai raggi solari

Qual è la protezione più adatta per ciascun tipo di pelle?

Negli ultimi anni questo problema ha influenzato molto i genitori, per cui chiedono sempre di più l’aiuto di un medico specializzato per capire quale protezione solare è meglio usare per i loro figli. Al contrario dei genitori, gli adolescenti preferiscono di solito essere abbronzati piuttosto che prevenire la possibile comparsa di un futuro melanoma dopo 20 anni.

La protezione adeguata dipende dal tipo di pelle della persona. Le pelli più chiare devono di solito usare una protezione più elevata di quelle con la pelle più scura. Si consiglia di solito di usare una protezione pari o superiore a 30.

Caratteristiche della fotoprotezione

Quando si sceglie una crema solare, la prima cosa che bisogna controllare è il fatto che protegga ampliamente la pelle. Una volta che ci siamo assicurati di questo dobbiamo scegliere la crema più adeguata per i vari punti del corpo, anche a seconda del tipo di pelle, l’età del paziente, e l’attività che svolgerà. Per esempio applicare fotoprotezione sulla pelle pelosa non è la stessa cosa che sulla pelle senza peli, o la crema da applicare sull’acne non deve essere troppo grassa. Se invece la persona svolgerà un’attività in acqua è sempre bene mettere una protezione resistente all’acqua.

Come mai gli adolescenti tendono a non proteggersi dai raggi solari?

Molti adolescenti non applicano crema protettiva per pigrizia, oppure perché non capiscono la ragione per cui è importante. Altri invece non la applicano perché si sentono troppo unti, oppure per non avere la pelle troppo bianca o con l’odore della crema.

Esistono nuove creme per risolvere questi problemi?

Le nuove creme oleose aiutano molto a risolvere questi problemi. Inoltre alcune sono secche e quindi non ungono la pelle. La consistenza oleosa di questa fotoprotezione è particolarmente adatta per il corpo. Quella secca invece è migliore per il viso, perché essere unti sul viso è fastidioso, soprattutto nel caso di sudorazione, dove il prodotto potrebbe andare negli occhi e irritarli. 

Quali sono i vari tipi di crema?

Anche i formati e la presentazione delle creme sono importanti. Per il viso si usa un formato più piccolo e pratico, per il corpo invece serve un formato della crema più grande, per delle applicazioni più semplici. Inoltre le creme solari spray sono molto comode nel caso in cui la persona si esponga per molto tempo al sole. 

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Dermatologia


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies