Robotica e protesi del ginocchio

Autore: Prof. Francesco Franceschi
Pubblicato: | Aggiornato: 18/11/2019
Editor: Antonietta Rizzotti

La chirurgia robotica (Robotic Assisted Surgery) del ginocchio è una procedura mini-invasiva introdotta in Italia nel 2011 in ambito ortopedico e traumatologico. Ne abbiamo parlato con il Prof. Francesco Franceschi, esperto in Ortopedia e Traumatologia a Roma

Quando si ricorre all’impianto protesico del ginocchio?

Si tratta di un trattamento chirurgico ortopedico impiegato per le patologie degenerative che colpiscono il ginocchio come l’artrosi,robot da vinci quando la patologia si trova nelle gravi condizioni che limitano la funzione dell’articolazione.

Quali sono i vantaggi di sottoporsi alla chirurgia robotica?

Attraverso l’impiego di un braccio robotico, vengono superati i limiti dell’intervento a mano libera, ottenendo una maggiore precisione e una riduzione degli errori di posizionamento, parziale o totale, delle componenti protesiche (rispetto alla chirurgia tradizionale), conferendo ai legamenti un perfetto bilanciamento. Inoltre, è possibile ricorrere alla chirurgia robotica anche quando il legamento crociato anteriore del ginocchio sia totalmente assente.

Il braccio robotico non agisce in totale autonomia ma attraverso l’aiuto delle manovre scelte dal chirurgo per mezzo di uno schermo, quindi il chirurgo può non essere fisicamente presente in sala operatoria ma trovarsi nella stanza accanto, anche se la sua presenza è ancora indispensabile. La tecnologia del futuro non rappresenta una sostituzione del cervello umano, soprattutto se si tratta di un chirurgo.

La chirurgia robotica in ortopedia presenta i seguenti numerosi vantaggi sia per il chirurgo, sia per il paziente che si sottopone all’intervento.

I vantaggi per il chirurgo sono:

  • Pianificazione dei movimenti che il robot dovrà eseguire durante l’intervento
  • Mini-invasività
  • Massima precisione nel posizionamento delle protesi, favorendo la buona riuscita dell’operazioneradiografia ginocchio
  • Riduzione di errori
  • Movimenti più ampi
  • Protesi più longeve

I vantaggi per il paziente sono:

  • Riduzione dei tempi di recupero
  • Riduzione del dolore
  • Rispetto del tessuto osseo e di quello molle grazie al minor trauma
  • Possibilità di camminare nel prime 24 ore senza necessità di assumere farmaci

L’uso delle stampelle si limita solo ai primi giorni dopo l’intervento

Prof. Francesco Franceschi
Ortopedia e Traumatologia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle la pubblicità relativa alle sue preferenze, nonché analizzare le sue abitudini di navigazione. L'utente ha la possibilità di configurare le proprie preferenze QUI.