Stress: 7 passi per recuperare la serenità

Autore: Dott. Marco Paolemili
Pubblicato:
Editor: Marta Buonomano

Lo stress che proviamo quando ci sentiamo dubbiosi o sopraffatti dalle esigenze degli altri può essere un fattore positivo, se vissuto in piccole dosi, in quanto ci spinge a fare del nostro meglio. Quando però queste esigenze superano la capacità di far fronte ai problemi, lo stress può influire sul nostro benessere sia fisico che emotivo portando, nel corso del tempo, a dei disturbi quali depressione, ansia, abuso di sostanze, disturbi alimentari. Oltre a questo, lo stress può favorire anche l’insorgenza di disturbi fisici come mal di schiena, cefalea tensiva, dolori muscolari, sonno irregolare. Il nostro esperto in Psichiatria a Roma, il Dott. Marco Paolemili, ci dà degli utili consigli per ridurre lo stress

1) Analizza la situazione

Innanzitutto bisogna analizzare il proprio livello di salute, benessere, produttività e di prestazioni attuale.donna stressata dal lavoro Potete aiutarvi rispondendo a quesiti come:

  • Il mio corpo è teso o stanco?
  • Sono in grado di concentrarmi a casa e a lavoro?
  • Il modo in cui vedo e vivo gli eventi è in sintonia con i miei valori personali?

Se identificate un conflitto non ignoratelo, ma iniziate a pensare e a pianificare le azioni necessarie per risolvere nel miglior modo possibile la situazione.

2) Conosci gli effetti negativi che lo stress può avere sulla salute fisica ed emotiva

Dovete essere in grado di individuare i fattori e gli ambienti che possono essere fonte di stress ed elaborare strategie per gestirli correttamente, imparando a conoscere il modo migliore per amministrare il vostro tempo e trasformare le vostre idee in azioni.

3) Stabilisci le priorità e fissa dei limiti

Create un programma per gestire la casa in cui ogni membro della famiglia abbia delle responsabilità, in maniera tale da non dover affrontare da soli le faccende domestiche.

Inoltre, oggigiorno la tecnologia può impedire la creazione di una linea di confine tra lavoro e casa. È importante in questi casi essere chiari e dividere questi due momenti della giornata: le tecnologie devono aiutarvi e non dovete diventarne schiavi. Un piccolo trucco per “staccare la spina” è quello di impostare per alcuni periodi l’opzione “Non disturbare” del vostro smartphone, ad esempio durante la notte.

4) Prepara un piano d’azione

Dopo aver capito quali sono le situazioni che influiscono negativamente sul vostro benessere è necessario creare un piano proattivo di miglioramento continuo, con cose negoziabili e altre che non dovranno essere modificate, in maniera tale da garantirvi una vita sana e una buona gestione dello stress. Tra le cose non negoziabili, dovranno essere presenti:

  • Mezz’ora di attività fisica da eseguire ogni giorno;
  • Alimentazione corretta, composta da 3 pasti nutrienti al giorno;
  • 7-8 ore di sonno ogni notte.

ragazzo che suona la chitarra in casa5) Impara a rilassarti

Apprendere e servirsi di tecniche di rilassamento da mettere in atto tra gli impegni quotidiani potrà apportarvi benefici a lungo termine nel corso della vita. Cercate di assumere con moderazione le bevande con caffeina e alcolici, in quanto potrebbero ostacolare un sonno riparatore.

6) Costruisci relazioni solide

Poter contare sul supporto di familiari, amici e colleghi può essere di grande aiuto in situazioni di stress. Dedicate un po’ di tempo ogni giorno a creare o solidificare le relazioni sociali. Avere delle relazioni solide vi aiuterà sia a breve che a lungo termine.

7) Analizza regolarmente il tuo piano anti stress

Ogni persona cambia e cresce con il passare del tempo, quindi ciò che può esservi utile oggi potrebbe non esserlo più il prossimo anno. Il cambiamento è inevitabile nella vita e questo vi offre un’ottima opportunità di miglioramento costante.

Dott. Marco Paolemili
Psichiatria

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies