Sutureless: la soluzione per chi ha problemi alla valvola aortica

Autore: Top Doctors®
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

 

La ricerca nel campo della chirurgia vascolare ha realizzato passi avanti per quanto riguarda la chirurgia riparatoria delle valvole cardiache. L’esperto in chirurgia vascolare ci spiega il funzionamento di queste valvole

Come funziona la valvola aortica in condizioni normali?

Il cuore è un muscolo altamente specializzato e funziona come una ‘pompa’ poiché facilita la circolazione del sangue in tutto l’organismo. Le valvole cardiache agiscono in maniera coordinata in modo da aprire o chiudere la circolazione sanguigna e assicurano la corretta circolazione del sangue. 

 

Cosa succede se si verifica un restringimento della valvola aortica (stenosi)?

L’ostruzione del flusso sanguigno causata dal restringimento della valvola aortica (stenosi) determina un sovraccarico nel cuore poiché dovrà pompare il sangue più velocemente. Nel corso del tempo l’organo vitale si dilata e perde la sua forza di contrazione causando, perciò, problemi di salute (stanchezza, difficoltà respiratorie, dolore al petto in seguito a sforzi, vomito o svenimento).
 

Qual è il trattamento della stenosi severa della valvola aortica?

Il trattamento consiste nella sostituzione della valvola aortica ristretta con una nuova valvola che si apre e chiude correttamente. Attualmente non vi sono cure mediche che permettono di risolvere tale disturbo poiché è causato direttamente da un ‘tappo’ o dalla difficoltà da parte del sangue di circolare, di conseguenza è necessario eliminare tale ostruzione. A tal proposito è fondamentale la diagnosi poiché la stenosi della valvola aortica può causare problemi di breve o medio periodo.

 

Quali sono le alternative innovative per il trattamento della stenosi?

Nei casi più gravi, la sostituzione della valvola aortica avviene con il collocamento di valvole moderne senza il bisogno di sutura (“sutureless”): la valvola calcificata e ristretta viene sostituita con una nuova valvola biologica montata su uno ‘stent’, in maniera rapida e senza suture. Questa tecnica garantisce un risultato efficiente (la valvola, difatti, non crea problemi al flusso sanguigno), può essere applicata in poco tempo e, inoltre, i rischi di embolia sono relativamente bassi. 

 

 

Articolo redatto il collaborazione del Dr. Xavier Ruyra Baliarda, specialista in cardiochirurgia

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies