Elettrochemioterapia

Che cos’è l’elettrochemioterapia?

L’elettrochemioterapia è un trattamento molto efficace per la cura di tumori benigni e maligni solidi e di metastasi cutanee. Si tratta di un innovativo tipo di chemioterapia, basato sull’erogazione di farmaci antitumorali citotossici con lo scopo di uccidere le cellule tumorali. La percentuale di successi è di circa il 70%.

Perché si esegue?

Inizialmente, l’elettrochemioterapia veniva usata per le metastasi cutanee o sottocutanee di particolari tipi di tumori, e per le neoplasie della pelle non operabili o resistenti ai trattamenti. Oggigiorno viene utilizzata anche per quei pazienti che sono affetti da recidive locali o per ridurre le dimensioni di tumori voluminosi, facilitandone così la rimozione chirurgica.

In cosa consiste?

L’elettrochemioterapia consiste nella combinazione di un trattamento chemioterapico a basso dosaggio e di un impulso elettrico applicato direttamente sulle cellule tumorali attraverso un elettrodo. L’applicazione a livello locale di questi impulsi elettrici, che rendono momentaneamente permeabile la membrana plasmatica delle cellule, favorisce l’entrata in essa dei farmaci che facilitano la morte cellulare. Il vantaggio dell’elettrochemioterapia è quello di preservare l’integrità del tessuto sano, dato che l’elettrodo viene applicato solamente alla zona colpita dal tumore.

Preparazione per l'elettrochemioterapia

Il trattamento può essere ripetuto più volte, tanto per aree estese quanto per metastasi. Il paziente viene sottoposto in precedenza ad alcune indagini e preoperatorie, come gli esami clinici, ECG ed RX del torace. La procedura richiede un’anestesia generale, ma in alcuni casi può essere effettuata un’anestesia locale in modo tale da poter trattare anche i pazienti più delicati.

Recupero postintervento

L'elettrochemioterapia è un trattamento sicuro ed efficace. La dose del farmaco utilizzato è generalmente molto bassa, quindi non esistono molti effetti avversi. Tuttavia, la somministrazione di impulsi elettrici può causare contrazioni muscolari nel paziente, che possono anche presentare infiammazione nell'area trattata. In tal caso, dovrebbe essere controllato con farmaci antinfiammatori non steroidei.

Trattamenti alternativi

Esistono alternative a questo trattamento, come le terapie chemioterapiche convenzionali. Tuttavia, non si tratta dei trattamenti più avanzati, poiché l'elettrochemioterapia è entrata in funzione nel 2006, dopo numerosi studi precedenti. Al momento è probabilmente la tecnica più evoluta per il trattamento del cancro.

Questo sito Web utilizza cookie propri e di terzi per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle pubblicità relative alle sue preferenze, nonché per analizzare le sue abitudini di navigazione..