Gomito

Specializzazione di Fisioterapia

Che cos’è il gomito?

Il gomito è l’articolazione che unisce braccio e avambraccio, unendo l’omero alle estremità prossimali di ulna e radio. L’articolazione si compone di osso, cartilagine, legamenti e liquidi. Muscoli e tendini permettono all’articolazione si rimanere in posizione quando la muoviamo. Se una di queste strutture subisce un trauma, insorgono problemi al gomito.

Funzioni del gomito

Il gomito permette di realizzare una serie di movimenti per stendere e flettere il braccio. Nello specifico, i movimenti sono i seguenti:

  • Estensione, grazie al muscolo tricipite brachiale.
  • Flessione, con il bicipite brachiale, il brachiale anteriore e il brachioradiale.
  • Supinazione, con il muscolo corto supinatore e il bicipite brachiale.
  • Pronazione, grazie al muscolo pronatore rotondo e al pronatore quadrato.

Patologie che possono colpire il gomito

Ci sono molti fattori che possono provocare dolore al gomito, arrivando o meno a lesionarlo. I più comuni sono:

  • Artrosi: processo degenerativo che in pochi casi colpisce il gomito. La sua insorgenza si deve soprattutto a esercizi molto intensi e prolungati o a traumi ripetuti.
  • Artrite: processo infiammatorio che colpisce un’articolazione causando dolore e aumento della temperatura. Ve ne sono diversi tipi; nel caso del gomito, i più comuni sono: artrite reumatoide, artrite psoriasica, artrite settica, gotta e condrocalcinosi.
  • Epicondilite (o gomito del tennista): dà dolore nella parte esterna del gomito.
  • Epitrocleite (o gomito del golfista): dà dolore nella parte interna del gomito.
  • Borsite olecranica (o gomito dello studente): malattia reumatica che colpisce le parti molli (non le ossa) dell’articolazione.
  • Lussazione del gomito: meno comune di quella di spalla, ad esempio, perché i profili delle ossa combaciano alla perfezione. La causa principale è una caduta con la mano tesa, e solitamente è in relazione a una frattura.
  • Pronazione dolorosa (gomito della bambinaia o sublussazione della testa del radio): la testa del radio si muove rispetto alla sua posizione normale, ma senza arrivare a uscire completamente, pertanto la si può considerare una sublussazione. È comune nei bambini sotto i cinque anni a causa di trazioni brusche dell’avambraccio (ad esempio quando si prende un bambino per mano e lo si tira verso l’alto per aiutarlo a salire le scale, in sport di contatto come il judo ecc.).
  • Fratture: quelle principali sono all’estremità distale (inferiore) dell’omero, alla testa del radio e all’olecrano ulnare.
  • Frattura di Monteggia: lesione complessa e poco comune, nella quale a una lussazione della testa del radio a livello del gomito si associa una frattura del terzo prossimale dell’ulna.
  • Triade terribile del gomito: lesione grave, solitamente causata da cadute nelle quali si appoggia la mano a terra in posizione di estensione. In questo tipo di lesione solitamente si combinano una lussazione, una frattura del capitello radiale e una frattura dell’apofisi coronoide ulnare. Per curarla è necessario operare.

Trattamenti per le patologie del gomito

Il trattamento delle patologie del gomito dipenderà dalla loro causa. Per diagnosticare una lesione al gomito si effettueranno diversi esami: artrografia diretta, radiografia, risonanza magnetica nucleare ecc. Una volta fatta la diagnosi, lo specialista indicherà il trattamento migliore per ciascun caso specifico.

Di norma, il trattamento della struttura lesionata consiste principalmente in ridurre l’infiammazione e la mobilità e mitigare il dolore, la debolezza e l’incapacità funzionale. Perciò è importante, in primo luogo, somministrare farmaci FANS (antiinfiammatori), utilizzare un tutore (o simile) per limitare la mobilità e fare fisioterapia.

Il trattamento fisioterapico consisterà solitamente in crioterapia (freddo), elettrostimolazione (TENS), programma di stiramento passivo dei muscoli prono-supinatori (quelli che permettono di girare il braccio), estensori e flessori del polso, e consigli posturali. Quando scompare il dolore, è possibile prevedere esercizi per rafforzare la muscolatura del braccio in questione.

In caso di lesioni più gravi, lo specialista potrà raccomandare altri trattamenti, come l’artroplastica del gomito, la chirurgia per il gomito del tennista o, se non è necessario operare, infiltrazioni nelle articolazioni e nei tessuti molli.

Specialista che tratta le patologie del gomito

Le patologie del gomito sono trattate dallo specialista in traumatologia e chirurgia ortopedica. Esistono anche traumatologi specializzati nei problemi al gomito e nel loro trattamento terapeutico.

Video collegati a Gomito


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies