Tomosintesi mammaria

Dott.ssa Annamaria Bianchi, Ph.D - Radiologia

Pubblicato: 04/07/2022

Che cos’è la tomosintesi mammaria?

Si tratta di un nuovo esame diagnostico, capace di individuare alterazioni circoscritte, che hanno avuto origine dalla ghiandola mammaria.

Ciò avvenire grazie all’analisi stratigrafica della mammella, identificando più facilmente sia noduli che microcalcificazioni.

In cosa consiste?

Durante l’esame la paziente si collocherà di fronte al macchinario e si svolge come una semplice Mammografia bidimensionale.

Verranno eseguite quattro esposizioni, due per ogni lato, momento in cui il tubo radiogeno si muove per registrare le immagini in base alle differenti angolature. In questo modo, si otterranno vari strati, che verranno unito in seguito, potendo completare la ricostruzione della mammella.

La tomosintesi dura pochi secondi ed è indolore.

seno donna con un fiore

Perché si esegue?

Si consiglia alle donne di sottoporsi a tale esame ogni anno, a partire dai 40 anni per prevenzione. Inoltre, si raccomanda di effettuare tale diagnosi nella prima settimana dopo la conclusione del ciclo mestruale.

La Tomosintesi mammaria è fondamentale per le pazienti con età compresa tra i 35 e i 40 anni a rischio di tumore, dovuto a fattori ereditari genetici.

Chi porta protesi al seno, non corre nessun rischio se si sottopone alla Tomositnesi mammaria.

Preparazione per la tomosintesi mammaria

Non è necessaria alcuna preparazione prima dell’esame.

Cosa si prova durante l’esame?

Durante l’esame la paziente non sentirà alcun dolore.

Significato di risultati anomali

Grazie ai risultati di questo esame diagnostico si possono ridurre i falsi positivi e negativi, poiché si evita il mascheramento delle lesioni più piccole come noduli e microcalcificazioni, dato che i vari piani risulteranno dissociati.

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle la pubblicità relativa alle sue preferenze, nonché analizzare le sue abitudini di navigazione. L'utente ha la possibilità di configurare le proprie preferenze QUI.