Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies


Differenza tra le emorroidi e le altre patologie anali

Le principali patologie anali sono le emorroidi, le fistole e le ragadi anali. Il nostro esperto in Colonproctologia di TopDoctors ci parla delle loro caratteristiche e dei possibili trattamenti

Quali sono le principali patologie anali?

Le patologie anali non riguardano solo le emorroidi, anche se sicuramente è la prima malattia che viene in mente. Devono essere incluse tra i problemi più comuni la fistola e la ragade anale. Queste sono le tre patologie più frequenti che un proctologo affronta: si calcola infatti che circa il 40% della popolazione ha una qualche malattia all’ano.

Quali sono gli stadi delle emorroidi?

Per quanto riguarda le emorroidi, bisogna dire che non tutte si devono operare e che vengono classificate in 4 stadi. Il primo stadio è quello in cui le emorroidi semplicemente sanguinano. Il secondo grado si ha quando prolassano, cioè quando fuoriescono durante la defecazione e si ricollocano da sole. Il terzo stadio è quello in cui la ricollocazione deve essere fatta manualmente, mentre nel quarto è impossibile far tornare le emorroidi al loro posto. Di questi quattro stadi, attualmente vengono operati soprattutto il terzo ed il quarto.

Come vengono trattate le emorroidi?

Per eliminare le emorroidi la tecnica più utilizzata è la tecnica aperta Milligan Morgan, con cui si ottengono eccellenti risultati e si eliminano definitivamente le emorroidi. Senza dubbio, è un intervento con un postoperatorio doloroso che deve essere trattato con antidolorifici. Curiosamente, le ferite non cicatrizzano fino a 20 giorni ma a partire dei 10 non si prova più dolore, probabilmente perché si produce un rilassamento della zona. Esistono anche altri trattamenti come la legatura elastica che viene eseguita in ambulatorio e consiste nel necrotizzare l’emorroide affinché cada dopo tre o quattro giorni, oppure l’uso di sostanze sclerosanti.

Le ragadi anali: false emorroidi

Molta gente consulta un proctologo a causa del dolore anale pensando di avere emorroidi quando in realtà le emorroidi non fanno male. Se si ha dolore anale, il problema potrebbe essere una ragade anale, cioè una contrazione esagerata dello sfintere interno che causa una mancanza di apporto di sangue che a sua volta produce un’ulcera. Le cause più frequenti della ragade anale sono lo stress, l’angoscia e la costipazione cronica. La ragade anale può essere curata con una sfinterotomia che consiste in un’incisione che aiuta a rilassare lo sfintere risolvendo definitivamente il problema.

presso

Publicado por: Top Doctors®