Quando una depressione viene definita resistente? | Top Doctors

La depressione resistente

Autore: Dott. Mario Savino
Pubblicato: | Aggiornato: 14/08/2018
Editor: Top Doctors®

Alcune depressioni sembrano non rispondere alle terapie ad oggi disponibili. I risultati possono essere due: o si risolvono spontaneamente dopo molti mesi, o cronicizzano (superano i due anni di durata). Ma cosa rende una depressione resistente? Lo spiega il Dott. Mario Savino, esperto in Psichiatria a Milano

Cosa rende una depressione resistente?

Tra i fattori che concorrono a rendere meno curabile una depressione, ricordiamo:

  • L’età sempre più avanzata della popolazione;
  • Gli errori diagnostici: una depressione concomitante con altri disturbi mentali e/o somatici non individuati; un episodio misto depressivo;
  • Gli errori terapeutici: ad esempio, una depressione in un paziente bipolare trattato solo con antidepressivi;
  • La tendenza di alcuni pazienti a non confessare l’uso di alcol e droghe;
  • L’abuso di ansiolitici;
  • La tendenza di alcuni pazienti a non assumere le terapie prescritte o a ridurle di propria iniziativa.

Questi fattori riguardano circa il 20% degli episodi depressivi.

Quando una depressione si definisce resistente?

Occorre sempre tener presente che la depressione è una malattia grave, causa di grave disabilità e potenzialmente letale, che deve essere trattata aggressivamente da specialisti esperti.

È definito resistente solo un episodio depressivo che non risponde a:

  • Psicoterapia;
  • Psicoterapia e farmaci;
  • Uno o più farmaci SSRI;
  • Farmaci a doppia azione;
  • Farmaci recenti di altra categoria;
  • Farmaci triciclici e IMAO;
  • Farmaci antidepressivi di differenti categorie associati fra loro;
  • Farmaci potenziati da Litio, antipsicotici, ormone tiroideo, etc.;
  • Terapie fisiche (stimolazione magnetica o TMS, vagale o VNS, terapia elettroconvulsivante o TEC, Deep Brain Stimulation o DBS).

Purtroppo, non tutti i pazienti vengono guidati lungo il percorso di cura, con il risultato che alcune depressioni curabili vengono etichettate, invece, come resistenti.

 

Editor Karin Mosca

Dott. Mario Savino
Psichiatria

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies