Meningiomi cerebrali: 15 cose da sapere | Top Doctors

15 cose da sapere sui meningiomi cerebrali

Autore: Prof. Roberto Delfini
Pubblicato: | Aggiornato: 21/08/2018
Editor: Top Doctors®

Sai cos’è un meningioma? Ecco 15 punti per conoscere meglio questo tumore del sistema nervoso, spiegati dall’esperto in Neurochirurgia a Roma, il Prof. Roberto Delfini

Il meningioma cerebrale

1) Solitamente, i meningiomi sono lesioni benigne (solo nell’1-2% dei casi sono maligni, con prevalenza in questo caso negli uomini), a crescita lenta, con una frequenza maggiore nel sesso femminile rispetto a quello maschile.

2) I meningiomi sono piuttosto rari in età pediatrica (solo l’1-3% di tutti i tumori cerebrali), e nel 25% dei casi sono associati ad una malattia genetica, come la neurofibromatosi di tipo 2. Purtroppo però, nei bambini hanno una frequenza maggiore le forme aggressive.

3) Originano dalla meninge cerebrale, più nello specifico dall’aracnoide cerebrale, e rappresentano il tumore più frequente tra tutte le lesioni primitive intracraniche nell’adulto.

4) Si riscontrano principalmente tra i 50 e i 60 anni di età. Le più colpite sono le donne al di sopra dei 50 anni, spesso in sovrappeso e che hanno avuto più di una gravidanza.

5) Alcuni meningiomi posseggono recettori per gli estrogeni. Questo fa sì che crescano più rapidamente durante la gravidanza.

6) Nel 90% dei casi, la localizzazione è sovratentoriale: le sedi più colpite sono la convessità degli emisferi, la falce cerebrale, la piccola ala dello sfenoide e le docce olfattorie.

7) Alla TC (tomografia computerizzata) e alla RM (risonanza magnetica) si mostrano isodensi (della stessa densità) e isointensi (di segnale simile) rispetto al tessuto circostante, prima della somministrazione del mezzo di contrasto; successivamente, assorbono nettamente il mezzo di contrasto, diventando iperdensi-iperintensi. La TC può evidenziare piccole calcificazioni all’interno della lesione, mentre alla RM si nota il coinvolgimento della dura madre encefalica (dural tail). I meningiomi si presentano come placche o come masse rotondeggianti, in continuità con la dura madre encefalica e inglobate parzialmente nell’encefalo.

8) I meningiomi possono essere multipli nell’1-6% dei casi.

9) L’osso adiacente all’impianto del meningioma sulla dura madre (la più esterna delle tre meningi) presenta alterazioni di tipo sclerotico o demineralizzante nel 15-40% dei casi.

10) I meningiomi, in genere, sono riccamente vascolarizzati dai rami durali delle arterie carotidi esterne o da rami arteriosi della pia madre (la più interna delle tre meningi), provenienti dalle carotidi interne.

11) Si riconoscono principalmente 4 tipi istologici: meningoteliale, fibroblastico, transizionale e psammomatoso. Possono essere distinti anche a seconda del carattere maligno con una scala WHO di 3 gradi: I grado WHO lesioni benigne; III grado WHO lesioni maligne.

12) I meningiomi, crescendo, possono comprimere le strutture neurologiche adiacenti, causando cefalea e crisi epilettiche.

13) Nella maggioranza dei casi, i meningiomi possono essere asportati radicalmente, il che comporta la guarigione definitiva del paziente. Se necessario, il Neurochirurgo potrebbe lasciare un piccolo residuo tumorale, da controllare periodicamente con la RM o da sottoporre a Radioterapia.

14) I fattori che potrebbero impedire la rimozione totale dei meningiomi sono: la localizzazione (ad es. il seno cavernoso); l’aderenza a strutture intracraniche la cui dissociazione comporterebbe danni funzionali o rischi per la sopravvivenza; l’età e le condizioni generali del paziente.

15) Per i meningiomi di grado più elevato è indicato il trattamento radioterapico.

 

Editor Karin Mosca

Prof. Roberto Delfini
Neurochirurgia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies