Prenditi cura della tua voce!

Prenditi cura della tua voce!

Editato da: Marta Buonomano il 05/11/2019

Il nostro esperto in Audiologia e Foniatria a Milano, il Prof. Antonio Schindler, ci spiega quali sono i disturbi più comuni a carico della voce e quali accorgimenti dobbiamo seguire per prenderci cura come si deve delle nostre corde vocali!

Disturbo della voce: di cosa si tratta?

ragazza con le mani sul colloPer “disturbo della voce” s’intende un disturbo della qualità vocale, quindi una voce rauca. Questo termine può però includere anche altre condizioni, come ad esempio una voce con un’altezza inadeguata (un uomo con una voce da donna o viceversa) o una voce affaticabile, che quindi possiede una qualità vocale normale ma che non riesce a resistere a quelle che sono le richieste della vita quotidiana.

È un disturbo molto comune?

Questa condizione è molto comune, infatti tutti ci ritroviamo a dover affrontare almeno una volta all’anno un disturbo acuto della voce. Diversa è invece la situazione per quanto riguarda i disturbi cronici, che durano almeno 6 mesi: in questi casi viene coinvolto circa il 5% della popolazione.

Cosa s’intende per “disturbo acuto”?

Un disturbo acuto è un abbassamento della voce che dura generalmente dai 5 ai 10 giorni ed è dovuto a una malattia da raffreddamento. Tipico nei periodi invernali o durante il cambio tra le stagioni, è solitamente legato ad un’infezione virale ed è associato ad altri sintomi (naso che cola, bruciore in gola, ecc.).

Chi sono le persone che ne soffrono di più?

Le persone che più frequentemente hanno questi disturbi sono quelle che svolgono un lavoro che comporta un uso prolungato e ad un volume einsegnante che spiega agli alunnilevato della voce, tra cui:

  • Insegnanti, che devono parlare per periodi molto prolungati;
  • Parrucchieri, che devono parlare con un elevato rumore di fondo;
  • Insegnanti di aerobica, ginnastica o nuoto, che devono parlare sempre in condizioni ambientalmente sfavorevoli o comunque sotto sforzo.

Quali sono i fattori che possono causare un disturbo della voce?

Oltre alle cause di natura professionale sopracitate, ci sono fattori comportamentali che possono influire sulla qualità della voce. Primo tra questi il fumo di sigaretta, che può favorire l’insorgenza di vere e proprie malattie a carico delle corde vocali. Inoltre, anche il reflusso gastroesofageo e alcuni tipi di allergie possono avere ripercussioni negative.

Quando bisogna rivolgersi a uno specialista?

Bisogna rivolgersi a uno specialista tutte le volte che abbiamo un disturbo della voce che non si risolve nell’arco di un paio di settimane (se dura più di due settimane vuol dire che non rientra nel gruppo di disturbi da raffreddamento).

Cosa fare in caso di disturbi della voce?

La prima cosa da fare è richiedere una visita per identificare la malattia alla base del disturbo, dopodiché si potrà decidere il tipo di trattamento più adatto. Le possibili terapie per curare un disturbo della voce sono di tipo comportamentale, medico o chirurgico.

In caso di malattia di natura infiammatoria, la terapia prevede l’assunzione di farmaci con effetto antinfiammatorio (es. corticosteroidi); in caso di malattie da reflusso, invece, è possibile curare il disturbo con dei medicinali anti-reflusso. Se la causa è invece legata ad un uso prolungato della voce, senza alterazioni delle corde vocali, il trattamento sarà di tipo comportamentale con il supporto di un logopedista. Esistono inoltre delle malattie e delle alterazioni anatomiche delle corde vocali (polipi, cisti, malattie tumorali, ecc.) per le quali bisogna intervenire chirurgicamente

Come prendersi cura della propria voce

Le corde vocali sono l’organo più importante per la corretta fuoriuscita della nostra voce, per questo motivo è importante che siano sempre in buone condizioni e che non siano sottoposte a fattori irritanti come il fumo o i reflussi provenienti dallo stomaco. Alcuni consigli per prendersi cura della propria voce sono:

  • ragazzo che beve acqua da una bottigliaTenere sotto controllo il volume: molto spesso si tende ad aumentare il volume della voce senza che sia necessario, comportando uno sforzo eccessivo delle corde vocali;
  • Idratarsi bene: è scientificamente provato che bere un litro e mezzo/due litri d’acqua al giorno favorisca l’emissione vocale e riduca lo stato infiammatorio delle corde vocali.
Audiologia foniatria a Milano