Holter pressorio

Specializzazione di Cardiologia

Cos’è l’Holter pressorio?

L’Holter pressorio è un esame diagnostico che si esegue in cardiologia per misurare la pressione arteriosa di un soggetto durante un periodo di tempo prolungato, normalmente 24 ore. L’obiettivo è controllare la pressione arteriosa del paziente e individuare i momenti o le attività che comportano cambiamenti bruschi di pressione.

Esistono due tipi di esame Holter, uno per misurare la pressione arteriosa e un altro per misurare il ritmo cardiaco. Questo esame prende il nome dal biofisico Norman Holter, che nel 1949 stabilì le basi teoriche del monitoraggio cardiaco.

In cosa consiste?

L’Holter pressorio viene eseguito applicando un manicotto collegato a un dispositivo che misura e raccoglie i livelli di pressione arteriosa durante tutta la giornata, compreso il sonno se necessario. Il manicotto viene messo sul braccio non dominante del paziente, ed è collegato tramite cavi a un piccolo apparecchio, simile per forma e dimensione a uno stereo portatile, che può essere attaccato alla cintura o messo in una borsa. Questo dispositivo può essere nascosto perfettamente sotto i vestiti e il paziente dovrà portarlo sempre con sé, svolgendo al contempo le normali attività quotidiane. Il dispositivo misura la pressione ogni 15 o 20 minuti nei momenti di attività e ogni 30 minuti durante il sonno.

Al termine dell’esame, l’apparecchio viene tolto e tramite un computer si leggono i dati registrati. Solitamente, lo specialista cardiologo utilizza i dati per elaborare un grafico.

Perché si esegue l’Holter pressorio?

L’obiettivo dell’Holter pressorio è monitorare la pressione arteriosa del soggetto durante una sua giornata abituale:

  • Solitamente si esegue su pazienti con sospetta ipertensione arteriosa che non è stato possibile confermare durante la visita, o per monitorare pazienti ipertesi il cui controllo risulta difficile o che prendono farmaci che possono influire sulla pressione arteriosa.
  • Viene utilizzato anche per valutare l’efficacia del trattamento per la pressione a cui è sottoposto il paziente.
  • Questo monitoraggio viene eseguito anche per quei pazienti che presentano ipertensione episodica, per individuare quali momenti o attività alterano la loro pressione arteriosa.
  • Anche i pazienti che soffrono di ipotensione arteriosa possono avere bisogno di un monitoraggio con Holter pressorio.

Preparazione per l’Holter pressorio?

Solitamente al paziente non è richiesta nessuna preparazione per questo esame, dal momento che l’obiettivo è registrare le sue normali attività quotidiane. Per questo, dovrà comportarsi normalmente, prendere i farmaci abituali ed evitare esercizio fisico intenso o attività che lo agitino o gli provochino uno stress inusuale.

È anche possibile che il cardiologo chieda al paziente di annotare i farmaci che ha assunto o le attività che ha svolto il giorno dell’esame.

Cosa si prova durante l’esame?

L’Holter pressorio è un esame totalmente indolore, durante il quale il paziente sentirà solo i normali fastidi derivanti dal portare con sé un dispositivo di monitoraggio e avere un manicotto al braccio tutto il giorno e tutta la notte.

Significato di risultati anomali

Se si ottengono risultati anomali nell’Holter pressorio, significa che la pressione del paziente è irregolare o presenta valori troppo alti (ipertensione) o troppo bassi (ipotensione). In qualsiasi caso, lo specialista cardiologo dovrà analizzare questi risultati, individuare la causa e stabilire una terapia per stabilizzare la pressione del paziente.

Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies