30 ragioni per cui le persone mentono

Autore: Dott. Marco Paolemili
Pubblicato:
Editor: Marta Buonomano

Capire il motivo per cui una persona mente può essere utile per identificare ed affrontare in maniera accurata i problemi che si celano dietro una bugia. Il nostro esperto in Psichiatria a Roma, il Dott. Marco Paolemili, ci elenca le 30 motivi per cui le persone mentono

  1. Ragazza con le mani davanti alla boccaDifesa: il motivo più comune per mentire è l’autoprotezione. La persona che mente teme una conseguenza (reale o solamente percepita) e per questo motivo cerca di difendersi;
  2. Vendetta: in questo caso chi mente lo fa intenzionalmente con lo scopo di arrecare danno alle persone che in passato hanno danneggiato lui. È una maniera per “restituire il danno” all’altro;
  3. Delusione: la bugia viene detta per evitare di deludere qualcuno (talvolta anche se stessi), per evitare la sgradevole sensazione dovuta alla delusione;
  4. Manipolazione: chi abusa degli altri mente costantemente per poter continuare la sua manipolazione. Se venisse rivelata la realtà, infatti, la persona manipolata potrebbe andarsene;
  5. Intimidazione: a volte si mente perché ci si sente intimiditi da chi si ha di fronte e, per sopprimere il sentimento di inferiorità che si sta provando, si decide di mentire;
  6. Necessità di attenzione: alcune persone mentono per attirare l’attenzione di altri, nonostante (nella maggior parte dei casi) non si sappia cosa fare una volta ottenuta l’attenzione desiderata;
  7. Curiosità: mentire per curiosità è un comportamento infantile che si riscontra spesso negli adulti che non riescono a crescere. Si inganna solamente per vedere che cosa accadrà, indipendentemente dalle conseguenze che potrebbero innescarsi;
  8. Superiorità: chi possiede un grande ego inganna per apparire migliore degli altri e mantenere così il proprio status di superiorità;
  9. Evitamento: alcune menzogne vengono dette per evitare conseguenze o guai. Questo tipo di bugia è tipico nei bambini;
  10. Copertura: alcune persone fingono di essere qualcosa (o qualcuno) che non sono. Per questo motivo decidono di indossare una maschera e, per mantenere le apparenze ed evitare di rivelare la persona che sono realmente, mentire;
  11. Controllo: a volte, per controllare il comportamento di una persona, si decide di raccontare una menzogna;
  12. Procrastinazione: questo tipo di bugia è particolarmente sottile, in quanto si sceglie di mentire nonostante si sappia che c’è qualcosa che si dovrebbe fare. La menzogna viene detta intenzionalmente per evitare in maniera passiva le responsabilità;
  13. Ragazza che sorride parlando con un'amicaNoia: alcuni soggetti decidono di mentire per avere un dramma che alteri la sua quotidianità ed osservare le reazioni degli altri;
  14. Protezione: a volte si mente per proteggere gli altri (per assumersi la responsabilità di cose di cui in realtà non si è responsabili o per aiutare un amico);
  15. Abitudine: quando si mente per un lungo periodo di tempo, diventa un’abitudine continuare a mentire. Un esempio, sono le bugie che vengono ripetute più e più volte;
  16. Divertimento: per alcune persone mentire rappresenta una forma di intrattenimento privato. Li diverte mentire ed osservare le reazioni di chi li circonda;
  17. Desiderio: chi mente, in questo caso, desidera che la sua bugia sia la verità ed ha una forte necessità di credere in questa sua errata percezione;
  18. Danno: per arrecare danno ad altri a volte si mente su chi si è e su cosa si stia facendo. Questa tattica è molto comune nei raggiri o nei rapimenti;
  19. Simpatia: simile per alcuni aspetti alla necessità di attenzione, chi mente cerca di ottenere l’approvazione o la simpatia di altri mentendo su un evento passato o attuale;
  20. Pigrizia: a volte si mente perché non si ha voglia di eseguire un lavoro;
  21. Indifferenza: se ci si trova di fronte ad un problema o ad una questione non hanno importanza per l’interessato, egli potrebbe decidere di mentire senza vedere niente di sbagliato in questo inganno;
  22. Percezione: a volte chi mente crede alla propria bugia a causa di una percezione non accurata della realtà;
  23. Elevazione: chi desidera elevarsi all’altra moralità, agli standard perfezionistici o all’etica di lavoro di un altro può decidere di mentire;
  24. Stupore: si mente per impressionare gli altri e dare una migliore immagine di sé;
  25. Bramosia: in questo caso, chi mente brama ciò che gli altri hanno (oggetti e/o persone), negando l’invidia provata;
  26. Ragazza nervosa che si morde un'unghiaMinimizzazione: si ridimensiona la verità con una bugia per limitare le conseguenze o il danno che altrimenti potrebbe verificarsi;
  27. Massimizzazione: al contrario della minimizzazione, alcune persone decidono di esagerare il proprio inganno raccontando la situazione in maniera peggiore di quello che realmente è;
  28. Soppressione: per nascondere un problema, si decide intenzionalmente di sopprimere la verità;
  29. Negazione: quando non si vuole che qualcosa esista e si decide di negare la realtà con una bugia, non sempre si fa in maniera intenzionale;
  30. Occultamento: alcune persone vogliono nascondersi (da se stessi, da altre persone o da eventi) e mentire sull’averlo fatto in modo da evitare le responsabilità delle proprie azioni.

Dott. Marco Paolemili
Psichiatria

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente