Come si rigenera le pelle dopo una brutta scottatura?

Autore: Top Doctors®
Pubblicato:
Editor: Marta Buonomano

Dopo una scottatura o un’ustione è possibile ricostruire la pelle lesionata grazie a diverse tecniche. Nonostante negli ultimi anni vengano sempre più utilizzati i rigeneratori dermici, la procedura più eseguita è l'innesto cutaneo. Ce ne parla l'esperto in Chirurgia Plastica

Come si cura una bruciatura?

A seconda della profondità della bruciatura, la pelle si rigenera da sola partendo dagli annessi cutanei. Se questi sono stati danneggiati, è necessario coprire la bruciatura con un sostituto cutaneo. Sebbene la tecnica più utilizzata in Chirurgia Plastica sia l'innesto cutaneo, da ormai 15 anni esistono i rigeneratori dermici che aiutano a ricostruire la parte della pelle lesionata. I rigeneratori dermici vengono utilizzati soprattutto in caso di bruciature importanti che influiscono sull'estetica e la funzionalità dell'area bruciata e per il trattamento di ustioni consecutive.

Che cos’è la copertura cutanea?

Quando ci si brucia la pelle perde le sue proprietà, pertanto l'obiettivo del chirurgo è quello di recuperare le caratteristiche originali attraverso una nuova copertura (temporanea o definitiva) della pelle che va a sostituire la parte lesionata. La copertura temporanea prevede l'utilizzo di medicazioni o sostituti cutanei momentanei fino alla completa guarigione della superficie bruciata; quella definitiva, invece, è indicata in caso di ustioni gravi che non possono essere trattate con la copertura temporanea e prevede l'autotrapianto o l'utilizzo di rigeneratori dermici.

Quali sono le tecniche di ricostruzione cutanea impiegate per le ustioni?

Esistono diverse tecniche di ricostruzione cutanea per le ustioni:

  • Autotrapianto di pelle: è la tecnica più utilizzata. Consiste nell'eseguire innesti di pelle prelevando il tessuto dal paziente stesso. L’unico svantaggio è che questi innesti possono lasciare una piccola cicatrice nell'area da cui vengono ottenuti.

Se l'ustione è così profonda da non esserci residui di derma o di grasso e se i tendini o l’osso sono esposti, bisogna ricorrere ad altre tecniche di ricostruzione, come:

  • Rigeneratore dermico: è un tipo di materiale sviluppato dalla bioingegneria tissutale che aiuta il corpo a rigenerare un derma con caratteristiche molto simili all'originale.
  • Chirurgia ricostruttiva classica: si basa sull'uso di lembi di tessuto, che possono essere liberi o peduncolati

Quanto dura il processo di ricostruzione?

La durata del processo di ricostruzione dipende dalla complessità iniziale dell’ustione.

Cosa deve fare un paziente dopo la ricostruzione cutanea di un’ustione?

Dopo essersi sottoposto ad un trattamento di ricostruzione cutanea per un'ustione, il paziente dovrà curare le eventuali cicatrici mediante idratazione, digitopressione, utilizzo di siliconi medicali e di creme che favoriscono una cicatrizzazione naturale. In caso di lesioni più gravi, il paziente può necessitare terapie riabilitative e/o fisioterapiche in modo da favorire il recupero fisico e funzionale dell'area lesionata.

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Chirurgia plastica e estetica


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies