Dolore cronico? La soluzione può essere la Scrambler Therapy

Autore: Dott. Mauro Falco
Pubblicato: | Aggiornato: 04/05/2020
Editor: Giulia Boccoli

A volte il dolore cronico non riesce ad essere curato con le terapie farmacologiche: una soluzione al problema potrebbe essere la Scrambler Therapy, una tecnica di neurostimolazione innovativa e non invasiva. Il Dott. Mauro Falco, esperto in Terapia del Dolore a Roma spiega come funziona e quali sono i vantaggi di questa terapia

Che cos’è la Scrambler Therapy?

La Scrambler Therapy è una tecnica innovativa di stimolazione elettrica non invasiva che si utilizza per trattare il dolore cronico. Grazie a questa procedura si altera la comunicazione e l’elaborazione del dolore superando la sua percezione negativa: a causa della cronicizzazione, il sistema nervoso subisce condizionamenti tali per cui il dolore persiste in modo sproporzionato rispetto al motivo che lo ha provocato e la Scrambler Therapy agisce come un neurone artificiale che invia al cervello un impulso di “non dolore”.

In quali casi è indicata?

Cervicalgie, lombalgie, lombosciatalgie, fibromialgia, nevralgie, neuropatie diabetiche e dolori articolari: queste sono solo alcune delle patologie per cui la Scrambler Therapy diventa un’alternativa efficace se la terapia farmacologica non ha portato nessun risultato o se il paziente non vi si è potuto sottoporre a cause di controindicazioni, intolleranze o allergie.  Tuttavia in alcune condizioni, la Scrambler Therapy può interferire con specifici farmaci (anticonvulsanti) o dispositivi elettrici come pacemaker, defibrillatori cardiaci o altri neurostimolatori. 

In cosa consiste il trattamento?

Il trattamento avviene attraverso un dispositivo dotato di elettrodi che erogano corrente a bassa intensità e che hanno appunto il compito di inviare informazioni di “non dolore” al cervello: se gli elettrodi sono posizionati correttamente, il risultato immediato è una sensazione di sollievo. La procedura dura dai 30 ai 45 minuti, ripetendosi ogni giorno per circa 15 giorni e sin dal termine della prima seduta il dolore dovrebbe diminuire gradualmente fino ad arrivare, in alcuni casi, al termine della terapia con un risultato efficace, totale e duraturo.

I vantaggi della terapia

La Scrambler Therapy è una procedura innovativa che ha già portato ottimi risultati nel campo della cura del dolore cronico, grazie soprattutto ai vantaggi che offre al paziente, tra cui:

  • La non invasività. Il paziente non prova dolore e non va in contro a rischi o complicanze;
  • Riduzione del dolore immediata;
  • Risultati duraturi nel tempo;

Quali accorgimenti seguire?

È molto importante che la Scrambler Therapy venga utilizzata solo da personale esperto se si vuole garantire la sua efficacia. Dopo ogni seduta, infatti, viene rivalutata la posizione degli elettrodi e l’intensità dello stimolo dato che quest’ultima e l’area del dolore variano in base all’estensione e alla rappresentazione; può succedere, infatti, che gli schemi di posizionamento si modifichino durante la procedura e che alcune sedi richiedano particolari posizionamenti per ragioni sia anatomiche che neurologiche.

Dott. Mauro Falco
Terapia del dolore

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Questo sito Web utilizza cookie propri e di terzi per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle pubblicità relative alle sue preferenze, nonché per analizzare le sue abitudini di navigazione..