Fecondazione in vitro ed embrio transfer: in cosa consiste?

Autore: Top Doctors®
Pubblicato:
Editor: Antonietta Rizzotti

La fecondazione in vitro ed embrio transfer, più comunemente conosciuta con il termine di FIVET, è una procedura di procreazione assistita caratterizzata dalla fecondazione dell’uovo al di fuori del corpo della donna. Ne parla l’esperto in Ginecologia ed Ostetricia

Quando trova maggiore indicazione la fecondazione in vitro ed embrio transfer?

La FIVET è indicata maggiormente nei seguenti casi:Donna sdraiata

  • Endometriosi;
  • Danno tubarico irreversibile;
  • Infertilità nell’uomo (vengono considerati solo i casi in cui gli spermatozoi esaminati in laborario presentino parametri minimi sia in numero che in mobilità);
  • Sterilità per cause non conosciute.

In cosa consiste la metodica di fecondazione in vitro ed embrio transfer?

La metodica di fecondazione in vitro ed embrio transfer è caratterizzata dalle seguenti fasi:

  • Somministrazione di ormoni alla donna al fine di favorire lo sviluppo di follicoli multipli. La somministrazione avviene per via parenterale ovvero per vie diverse dall'assorbimento intestinale;
  • Monitoraggio della stimolazione follicolare attraverso la valutazione ormonale ematica ed ecografica (10-14 giorni);
  • Prelievo delle cellule uovo al completamento della maturazione follicolare. La procedura viene effettuata in anestesia generale per via transvaginale con l’ausilio di un ago sottile e sotto stretto controllo ecografico;
  • Coltura delle cellule uovo con liquido seminale preparato;
  • Monitoraggio e valutazione dell’avvenuta fecondazione attraverso un microscopio. Questa fase viene eseguita solo dopo le 24 ore dall’avvenuta fecondazione;
  • Trasferimento embrionale attraverso l’utilizzo di un catetere all’interno dell’utero. La procedura è effettuata dopo 48/72 ore dall’avvenuta fecondazione, senza ricorrere all’anestesia;
  • Somministrazione di progesterone per 15 giorni fino all’avvenuta gravidanza attraverso la valutazione dei livelli ematici di Beta HCG.

Quali sono i rischi che si possono riscontrare con la FIVET?

La procedura di fecondazione in vitro ed embrio transfer può comportare alcuni rischi o complicazioni:

  • Sindrome da iperstimolazione ovarica (Ovarian Hyperstimulation Syndrome – OHSS) caratterizzata da gonfiore addominale, nausea, vomito e talvolta da ascite.
  • Formazione di grosse cisti ovariche che implicano la sospensione del trattamento
  • Insorgenza di gravidanze multiple o extrauterine
  • Malformazioni al feto o congenite

 

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Ginecologia e Ostetricia


Questo sito Web utilizza cookie propri e di terzi per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle pubblicità relative alle sue preferenze, nonché per analizzare le sue abitudini di navigazione..