Il tumore al pancreas

Autore: Prof. Carlo Molino
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

Il tumore al pancreas rientra fra le prime 5 cause di morte e ha un’incidenza di circa 13000 nuovi casi all’anno in Italia. La prognosi a distanza è infausta con una sopravvivenza a 5 anni di circa il 6%. Ne parla il Prof. Carlo Molino, specializzato in Chirurgia Generale ed esperto in Chirurgia Pancreatica a Napoli

Che cos’è il tumore al pancreas?

Il tumore al pancreas è una neoplasia maligna che si genera in un organo piccolo, delicato e profondo nell’addome che contrae stretti rapporti di contiguità con numerosi organi, visceri e strutture vascolari e nervose di vitale importanza. La possibilità di un trattamento chirurgico radicale all’atto della diagnosi è presente solo in una bassa percentuale di casi, circa il 20%. Molte neoplasie si presentano al momento della diagnosi già in fase metastatica o localmente avanzate rendendo impossibile un’asportazione chirurgica radicale. In questi casi, fino ad ora, il paziente poteva effettuare sola la chemioterapia che rappresentava l’unica chance terapeutica attuabile con risultati abbastanza insoddisfacenti.

Quali sono i fattori di rischio?

  • Dieta: una diretta correlazione tra assunzione di grassi alimentari, consumo di carne e insorgenza di carcinoma del pancreas è stata evidenziata in alcuni studi, mentre un effetto protettivo della frutta, proteine vegetali e legumi è stato riscontrato in altri;
  • Alcool: studi effettuati su ampie casistiche di popolazioni hanno mostrato un incremento nei forti bevitori;
  • Fumo: rappresenta il carcinogeno più chiaramente implicato nel determinismo dell’insorgenza del cancro del pancreas;
  • Fattori occupazionali: i lavoratori chimici, del carbone, dei metalli, delle lavanderie, delle segherie e i minatori sono riportati, in alcuni studi, essere a maggior rischio di sviluppo di carcinoma del pancreas;
  • Pregresse patologie: una maggiore incidenza è stata osservata nei pazienti affetti da pancreatite cronica;
  • Discusso è il ruolo del diabete mellito come fattore correlato allo sviluppo di tale neoplasia;
  • Discusso è anche il ruolo della obesità;
  • Fattori genetici: sono, insieme al fumo di sigaretta, i fattori più strettamente correlabili con lo sviluppo di un carcinoma del pancreas. Si calcola che il 5-10% circa dei casi sia collegato all’azione di fattori genetici. Tra le condizioni strettamente correlate all’insorgenza di un carcinoma del pancreas vi sono: il carcinoma pancreatico familiare, la pancreatite ereditaria, la sindrome di Peutz-Jeghers e la poliposi adenomatosa familiare.

Le nuove alternative terapeutiche

Nasce, pertanto, la necessità di trovare nuove alternative terapeutiche che possano migliorare la qualità di vita ed il tasso di sopravvivenza nei pazienti non suscettibili di intervento chirurgico radicale. La scoperta di tecnologie elettromedicali di ultima generazione fornisce uno scenario del tutto nuovo. L’assoluta novità scientifica consiste nell’effettuare interventi di chirurgia molecolare basatati su un sistema di ablazione non termica che sfrutta il principio fisico dell’elettroporazione irreversibile (IRE) che viene associata alla chemioterapia. 

Prof. Carlo Molino
Chirurgia generale

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies