La colonscopia ti spaventa? Prova con la colonscopia dolce!

Autore: Prof. Andrea Ederle
Pubblicato:
Editor: Marta Buonomano

 

Esiste un modo per rendere un esame fastidioso come la colonscopia meno problematico per il paziente? La risposta è sì! Il Prof. Ederle, esperto in Gastroenterologia a Verona, ci parla della colonscopia dolce

 

 

Cos’è la colonscopia dolce?

La colonscopia dolce non è una tecnica particolare ma un insieme di accorgimenti per rendere questo esame, indicato per tutti i pazienti, più accettabile. Per questo viene definita "dolce". 

 

 

 

Perché la colonscopia è un esame fastidioso?

La colonscopia è ritenuta fastidiosa in buona parte dei casi. La prima cosa fastidiosa è la preparazione, che normalmente prevede l’assunzione di 4 litri in poche ore di una soluzione salina abbastanza spiacevole. In tal caso la nostra alternativa è proporre quella che si definisce “preparazione split a basso volume”: la sera prima dell’esame il paziente dovrà assumere una soluzione di lassativo ed acido ascorbico in un litro di liquido a piacere e lo stesso procedimento dovrà essere ripetuto al mattino seguente, circa 3 ore prima dell’esame. L’esecuzione dell’esame deve essere quindi prevista nella tarda mattinata, cosa spesso difficile nelle strutture pubbliche dove il carico di lavoro è spesso pressante. Un altro aspetto negativo della colonscopia è il dolore durante l’esame, che può essere superato grazie all’assistenza costante di un’anestesista che modula la somministrazione farmacologica alle necessità del paziente. Vi sono inoltre il dolore e la tensione legati alla ritenzione di aria nell'intestino dopo l'esecuzione dell'esame. Questo può essere superato da un utilizzo per insufflazione di CO2 che viene riassorbita molto rapidamente. Se possibile, andrebbero anche evitate liste d'attesa che provocano ansia e quindi minor accettazione dell'esame.

 

In quali casi è indicata la colonscopia dolce?

La colonscopia dolce è particolarmente indicata in coloro che per specifici motivi devono ripeterla frequentemente. Si ribadisce peraltro che è molto vantaggiosa per tutti i pazienti e rende questo esame più accettabile senza essere più considerato uno spauracchio.

 

Quali sono i vantaggi della colonscopia dolce?

I vantaggi della colonscopia dolce sono evidenti. Oltre quelli riportati nel paragrafo precedente, va ricordata la maggior serenità dell'operatore nel portare al termine questo esame senza provocare dolore al paziente. La pulizia del colon in genere è ottimale in quanto il paziente riesce portare a termine la preparazione in modo corretto. Anche l'operatività, in particolar modo il riscontro e l'asportazione di polipi, è favorita con questa preparazione. Inoltre, in situazioni come lo scompenso cardiaco e l'insufficienza renale, non ha controindicazioni diverse rispetto alla preparazione tradizionale. Noi abbiamo ottenuto con questa operazione il raggiungimento del cieco, cioè il completamento dell'esame nel 100% dei pazienti, i quali si sono dichiarati tutti soddisfatti.

Prof. Andrea Ederle
Gastroenterologia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies