La fistola anale, trattarla sempre con il bisturi

Autore: Top Doctors®
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

Il trattamento chirurgico è sempre utilizzato per il trattamento della fistola anale. A livello del canale anale, ci sono piccole ghiandole, se l'output è bloccato può causare ascessi, e una percentuale significativa di questi possono essere convertiti in fistole. C'è un passaggio da una zona a livello della cute perianale con il canale anale, in cui il percorso può passare attraverso i due sfinteri anali.

Pertanto, in molti casi, fistola anale è il risultato di un ascesso perianale. In una piccola percentuale di essi sono dovuti ad altri processi come il morbo di Crohn, malattie sessualmente trasmissibili, traumi, tubercolosi, cancro o diverticolite.

Tipi e trattamento

A seconda del vostro apparecchio sfintere coinvolgimento, distinguiamo due tipi di fistole anali: semplici, che riguardano meno del 50%, e complessi, oltre il 50%. Semplici fistole trattate con fistulotomia nella pelle e nei muscoli fino alla fistola sono tagliati, rendendolo un solco aperto.

Per fistole complesse o fistole riprodotte (multioperated), ci sono diverse opzioni terapeutiche. Il Setton può essere applicata che non può essere rimosso parte del viaggio dal suo rapporto con lo sfintere o nei casi in cui vi è una componente infiammatoria acuta, con ascesso associato, una banda di silicone elastico è consentito (per malattia di Crohn o fortemente sospetta) o filati di seta spessa, in modo che la fistola non è falso chiusura e di tensionamento stesso. È inoltre possibile effettuare il cosiddetto Flap o avanzamento falda, in cui prima le fistole percorso viene rimosso dall'apertura fistolosa esterno fino dell'apparato sfintere, e quindi chiudere l'orifizio fistula internamente da un autotrapianto mucosa.

Procedure più recenti vanno dalla applicazione di colla biologica, o materiali sintetici biocompatibili, o l'applicazione di cellule staminali nel fistola, con risultati ancora da analizzare, in particolare nel lungo termine.

I sintomi

Il dolore e gonfiore intorno all'ano e durante o dopo la deposizione sono sintomi di avere una fistola anale. Sanguinamento, scarico sanguinante o odore, o irritazione della cute intorno all'ano sono altre indicazioni che qualcosa non va. La diagnosi varia a seconda che si tratti di semplici o complesse. In complesso non fistole possono essere sufficiente con una storia, un esame rettale o rectoscopia. Nel complesso, però, oltre a queste misure, altri test complementari sono accurate ecografia anale, la risonanza magnetica e la manometria ano-rettale.

 

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Colonproctologia


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies