La Radiologia Digitale: nuove frontiere per una più accurata Indagine Radiologica

Autore: Prof. Francesco Ferrari
Pubblicato:
Editor: Jennifer Verta

La Radiologia Digitale è il risultato della progressione della tecnologia applicata alla medicina moderna. Scopriamo con il Prof. Francesco Ferrari, esperto in Radiologia a Siena, tutti i suoi vantaggi.

Cos’è la Radiologia Digitale

La Radiologia Digitale è il risultato della progressione tecnologica applicata alla Radiologia tradizionale. La Radiologia Digitale utilizza i Raggi X per analizzare un arto o una porzione di corpo in modo molto simile alla Radiologia Tradizionale. I Raggi X vengono prodotti dal tubo radiogeno, attraversano il corpo e ne emergono con modifiche alla struttura dovute alle informazioni acquisite nell’arto o organo. I Raggi X passano su piastre costruite con atomi di fosforo che quando vengono colpite da questi ultimi, diventano fluorescenti stampando letteralmente l’immagine sulla piastra. A questo punto, tramite particolari algoritmi, l’immagine viene archiviata sul computer e potrà essere ingrandita ed elaborata per una migliore analisi.

Quali sistemi si utilizzano?

  I macchinari attualmente utilizzati per la Radiologia Digitale sono i sistemi CR (Computer Radiology) e quelli DR (Digital Radiology). I primi utilizzano immagini prodotte da piastre di cristalli di fosforo che immagazzinano le immagini e la cui memoria puó essere cancellata e riutilizzata in seguito. Il loro utilizzo è iniziato negli anni ‘80 ed il perfezionamento dei macchinari ha permesso di raggiungere una durata dei cristalli di fosforo di fino a 10 anni. Le immagini raccolte vengono poi inserite in una banca dati disponibile per specialisti e ricercatori, utile per analizzare le varie patologie.

Il secondo tipo di sistemi, i DR utilizzano ugualmente i Raggi X ma in maniera differente, ossia i Raggi X escono dal tubo radiogeno, attraversano il corpo e colpiscono dei sensori posti dietro il paziente. I sistemi DR anno costi ben più elevati rispetto agli altri sistemi poiché necessitano di più attrezzature. Tuttavia una volta registrata l’immagine sulla pellicola o inviata con la fibra ottica al monitor del Radiologo, la risoluzione risulta fino al 70% migliore rispetto alla Radiologia tradizionale. 

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi della Radiologia Digitale?

I vantaggi principali della Radiologia Digitale si misurano in termini di qualità delle immagini ottenute tramite la tecnologia di nuova generazione. In particolare, essendo in un formato digitale, le immagini possono essere facilmente analizzate ed ingrandite per esaltare ogni minimo dettaglio, ottenendo quindi anche una diagnosi sempre più precisa. Essendo in formato digitale, le immagini possono essere facilmente registrate su diversi dispositivi, possono essere inviate più velocemente a diversi Specialisti per avere più opinioni, possono essere archiviate per aumentare i dati a disposizione della ricerca scientifica e tutto ciò senza dover richiamare il paziente all’esame. Inoltre, la Radiologia Digitale ha un elevato valore protezionistico perché riduce l’esposizione ai raggi X rispetto alla Radiologia tradizionale. Gli svantaggi della Radiologia Digitale si misurano invece solo in relazione ai limiti intrinseci della metodica radiologica.

Come avviene un esame radiologico digitale?

L’esame radiologico digitale è piuttosto semplice e la sua durata ridotta, all’incirca in 10 minuti. Tutti possono effettuare l’esame, ad eccezione delle donne in stato di gravidanza per evitare possibili danni al feto con i Raggi X. Prima di entrare nella sala dell’esame, il paziente dovrà lasciare ogni oggetto metallico che porta con sé. In base a quale area si deve analizzare, l’esame potrà svolgersi in piedi (ortostatismo) o da sdraiati (clinostatismo). Il tecnico di radiologia medica porterà quindi il tubo radiogeno di fronte all’area da visualizzare e rilascerà i Raggi X per qualche frazione di secondo, tempo durante il quale il paziente dovrà rimanere fermo per la buona riuscita dell’immagine.

Prof. Francesco Ferrari
Radiologia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies