La visita odontoiatrica che piace ai bambini!

Autore: Dott. Fabio Raviola
Pubblicato:
Editor: Antonietta Rizzotti

Tanti sono i pazienti, grandi e piccoli, che hanno la fobia di andare dal dentista. Il Dott. Fabio Raviola, esperto in Odontoiatria e in Chirurgia Odontostomatologica a Torino, ci parla del protossido d’azoto, utilizzato al fine di rendere la visita dal dentista estremamente gradevole!

La sedazione cosciente in odontoiatria pediatrica

Spiacevoli esperienze del passato o paure irrazionali impediscono a molti pazienti di vivere serenamente anche solamente una visita odontoiatrica.

La moderna odontoiatria consente di curare i pazienti in maniera assolutamente indolore ed efficace, rendendola perfino un’esperienza piacevole.

Negli USA oltre il 90% dei dentisti per bambini esegue prestazioni odontoiatriche con l’aiuto di una blanda sedazione che rende il tutto molto divertente: stiamo parlando del Protossido D’azoto, un gas incolore e dal sapore dolciastro. Questa metodica, da qualche anno ha iniziato ad essere utilizzata anche in Italia.

Questo gas, 200 anni fa, veniva chiamato gas esilerante, veniva usato nelle feste perché dava una sensazione di rilassatezza e benessere, senza mai perdere coscienza. Con il tempo si è iniziato ad usarlo anche in medicina come anestetico e per alzare la soglia del dolore del paziente. Il suo utilizzo è estremamente sicuro, non da allergie ed il suo effetto è reversibile in pochi minuti. Queste sue doti lo hanno reso nel tempo lo strumento ideale nei studi odontoiatrici consentendo di trattare i pazienti più difficili e poco collaboranti come i bambini, pazienti disabili e adulti fobici. Inoltre, è una procedura che viene utilizzata anche sui pazienti più piccoli che non hanno paura di affrontare il dentista, ma che non riescono a rimanere per tanto tempo con la bocca aperta, a causa dello stimolo del vomito. Il protossido d’azoto permette infatti di far perdere la percezione del tempo, quindi della durata della seduta, riducendo in questo modo lo stimolo faringeo.

In che modo viene somministrato il protossido d’azoto?

Il suo funzionamento è semplicissimo: basta respirare qualche minuto una miscela di aria e protossido, miscelate in quantità ben definite, attraverso una mascherina profumata e la magia è fatta. Il paziente inizia a sentirsi leggero e rilassato, senza mai perdere coscienza o il controllo di se. Terminate le cure, respirando una miscela di aria per 3/5 minuti, l’effetto svanisce e il paziente può tornare a casa senza tempi di attesa ulteriori.

Non ha bisogno di nessuna preparazione preliminare e anche dopo la seduta i pazienti possono riprendere tutte le attività come guidare o tornare a lavorare.

È considerata una metodica sicura?

Prima cosa la sicurezza! Questa metodica è stata affinata a partire dagli anni 80. Da allora non si è mai stato registrato un evento avverso dovuto all’utilizzo del protossido d’azoto. È una tecnica riconosciuta a livello mondiale con milioni di pazienti trattati. Inoltre, i macchinari di nuova generazione, dotati di processore, consentono un’erogazione precisissima della miscela con un controllo costante dei parametri e un’ulteriore garanzia di sicurezza.

Nella nostra esperienza clinica, chiunque l’abbia provato difficilmente accetta di sottoporsi a cure dentarie in maniera tradizionale senza la sedazione con il protossido.

Dott. Fabio Raviola
Odontoiatria

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies