Le false credenze sui capelli

Autore: Dott. Giuseppe Carrieri
Pubblicato:
Editor: Marta Buonomano

Sono frasi che abbiamo sentito ripetere tantissime volte, ma in realtà non corrispondono a verità. Il nostro esperto in Dermatologia a Bari, il Dott. Giuseppe Carrieri, ci sfata 3 dei più comuni falsi miti sui capelli!

È falso che…

  1. donna che si guarda allo specchio e si tocca i capelliUna maggiore schiuma equivale a un maggiore effetto lavante: il potere detergente dello shampoo non è assolutamente legato alla quantità di schiuma prodotta! La maggior parte delle persone mostrano di apprezzare molto una bella schiuma soffice e profumata ma i prodotti migliori per il capello, cioè quelli meno aggressivi che detergono con delicatezza, ne producono l'indispensabile!
  2. In gravidanza i capelli si indeboliscono: è vero il contrario! Problemi di forfora, seborrea e dermatite seborroica diminuiscono fino a risolversi. Alcune donne dopo il parto perdono I capelli in maniera consistente per poi vederli ricrescere più sani e belli di prima. L'alopecia post partum può essere preoccupante solo in misura dell'ansia che crea nella donna. È consigliabile un trattamento anti caduta preventivo in previsione del tumulto di ormoni e del superlavoro a cui verrà sottoposto tutto l'organismo.
  3. Tagliarli li rende più forti e li fa crescere di più: il capello non è un albero e quindi non si rinforza potandolo! Il taglio porta semplicemente via una parte di cellule morte ma non incide su bulbo e radice. Solo nel caso di una rasatura "a zero" si è visto il capello riscrescere un po' più velocemente. Questa antica convinzione deriva dal fatto che, eliminata la parte più vecchia e meno vitale, la chioma acquista subito un aspetto più sano e più folto.

Dott. Giuseppe Carrieri
Dermatologia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Questo sito Web utilizza cookie propri e di terzi per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle pubblicità relative alle sue preferenze, nonché per analizzare le sue abitudini di navigazione..