Lipolaser: come eliminare le adiposità localizzate con il calore

Autore: Dott. William Forlini
Pubblicato: | Aggiornato: 20/07/2018
Editor: Top Doctors®

La tecnica del lipolaser ha subito notevoli miglioramenti nel corso degli anni ed a oggi i suoi effetti collaterali non devono più essere temuti. Scopriamo con il Dott. William Forlini, esperto in Chirurgia Plastica ed Estetica ad Ancona, i vantaggi di questa tecnica.

Liposuzione Laser: da ieri ad oggi

La liposuzione è uno dei trattamenti di chirurgia plastica più conosciuti e richiesti per eliminare le tanto odiate adiposità localizzate. Si tratta di una tecnica chirurgica ideata negli anni ‘70 con la quale è possibile asportare tramite aspirazione con cannula il tessuto adiposo in eccesso e rimodellare il corpo. In passato, la tecnica era particolarmente temuta per i suoi effetti collaterali tra i quali ematomi e necrosi, ma oggigiorno grazie agli avanzamenti delle tecnologie disponibili non rappresenta più una fonte di stress.

Qual è la tecnica di chirurgia plastica più moderna?

Ad oggi la liposuzione con laser è la tecnica meno invasiva per il paziente e dai risultati più soddisfacenti. Inventato negli Stati Uniti, il laser permette infatti lo scioglimento delle cellule adipose con il calore delle onde in maniera cinque volte più efficace rispetto alle precedenti tecniche e garantendo un migliore e più rapido decorso post-operatorio. Le onde generate dalla fibra ottica del laser hanno quindi il grande vantaggio di eliminare facilmente le ostinate adiposità che non riescono ad essere eliminate grazie allo sport aggiungendo anche un effetto rassodante.

Quali sono gli utilizzi del lipolaser?

Il lipolaser può essere impiegato con successo su tutte le aree corporee dove viene accumulato adipe. Le aree per cui viene richiesto maggiormente questo intervento sono gli arti inferiori, i fianchi, l’addome, le braccia e la zona sotto il mento. Questa tecnica non consente solo di eliminare il grasso in eccesso con una semplice anestesia locale, ma aiuta anche a rassodare le aree trattate con un risultato simile al lifting. A differenza dei trattamenti del passato, il laser moderno colpisce unicamente le cellule adipose, azionando un processo di lipolisi all’interno delle cellule, ossia disgregandole in singoli adipociti che verranno espulsi facilmente dall’apparato escretore nei due mesi seguenti all’intervento. L’azione del laser permette infine di ridurre la rottura dei vasi sanguigni ed i conseguenti dolorosi ed antiestetici ematomi.

In cosa consiste il decorso post-operatorio?

Alla fine dell’intervento lo specialista posizionerà una guaina compressiva sull’area trattata e nei 2 mesi successivi l’eliminazione del grasso sciolto sarà completa, ottenendo il risultato definitivo. Le cicatrici che restano dopo l’intervento sono piuttosto ridotte, qualche millimetro e solitamente rimangono in pieghe cutanee o in posizioni facilmente celabili. La pelle rimane inoltre distesa grazie al risultato simil-lifting ottenuto con il laser.

Dott. William Forlini
Chirurgia plastica e estetica

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies