Mastopessi, una tecnica per sollevare il seno

Autore: Top Doctors®
Pubblicato: | Aggiornato: 14/11/2018
Editor: Jennifer Verta

Il lifting mammario con protesi è l’intervento più difficile di tutta la Chirurgia Plastica mammaria. Le ragioni sono molteplici. Ce le spiega il nostro esperto in Chirurgia Plastica.

Quando si esegue un intervento di chirurgia mammaria con protesi?

L’intervento viene effettuato per correggere il rilassamento del seno e per aumentarne il volume tramite una protesi. Si esegue su pazienti che desiderano un seno più alto e voluminoso.

Perché il seno “cade”?

Il seno di ogni donna è formato da tre componenti: la ghiandola, il grasso e la pelle. Queste possono variare nella loro percentuale da donna a donna. Alcune mammelle presentano più grasso che ghiandole e viceversa. Se si considera che la ghiandola pesa più che il grasso, è normale che un seno con più ghiandola pesi di più ed a seconda della pelle che lo circonda avrà più o meno tendenza a “rilassarsi”. D’altro canto è anche molto importante la qualità della pelle che lo circonda. Il seno con pelle più spessa e soda tende a cadere in misura minore rispetto a quello con cute fine.

Esistono però due situazioni che favoriscono la caduta del seno. Gli ormoni femminili coinvolti nella gravidanza e l’allattamento aumentano il volume della ghiandola mammaria, che diventa più pesante e distende la pelle. Ripetute gravidanze ed allattamenti potenziano dunque l’effetto distensivo. Anche gli sbalzi importanti di peso hanno un effetto ugualmente negativo. Con l’aumento e la diminuzione di peso si accompagnano infatti prima la distensione della pelle e poi la diminuzione della percentuale di grasso. Il risultato è che la pelle si rilassa, ma risulta svuotata, dando luogo alla caduta della mammella. Il disturbo può, inoltre presentarsi anche in pazienti giovani che abbiano avuto uno sviluppo molto rapido, ma una cute particolarmente fine. Esistono, infine, diversi gradi di rilassamento del seno, che possono variare da un grado leggero, medio ed importante.

In che cosa consiste l’operazione di lifting mammario con protesi?

La tecnica chirurgica di lifting mammario consiste nella ricostruzione delle componenti mammarie nella posizione ideale, riempiendo maggiormente la parte superiore che risulta svuotata dei seni rilassati. Una volta modificata la forma e la posizione della mammella, è necessario rimuovere la pelle in eccesso per ricoprire la ghiandola. Nel corso dell’intervento vengono inoltre diminuite le dimensioni delle areole. Al termine si inserisce la protesi in silicone per aumentare il volume.

Come si sceglie la misura della protesi?

In primo luogo è necessario ascoltare la paziente riguardo la misura finale desiderata, anche se è importante valutare altri fattori. Le protesi, che si possono collocare davanti o dietro il muscolo pettorale, hanno un certo peso che dovrà essere sostenuto dalla pelle che però rimane invariata. Per ottenere risultati duraturi è dunque importante valutare questo fattore. Si pensa, erroneamente, che le protesi non possano mai cadere, ma si tratta di un errore.

Dove si eseguono le incisioni per inserire la protesi?

Nei casi di caduta mammaria di grado leggero è spesso sufficiente, per la sua correzione, una protesi anatomica impiantata per via submammaria, tramite un’incisione di circa 4-5 cm nel solco sottomammario. Nei casi di caduta moderata esistono due soluzione a seconda della qualità della pelle. Quando la pelle lo consenta si innesta la prostesi tramite incisione nel solco sottomammario e si elimina la pelle in eccesso a livello dell’areole che diminuiscono di volume. La cicatrice è visibile sull’areola ed ha dimensioni ridotte. Se la pelle è eccessivamente rilassata sarà necessario asportarne in quantità maggiore, lasciando una cicatrice verticale dall’areola alla base del seno. La procedura è la stessa anche nei casi di ptosi mammaria grave, con la differenza che la cicatrice sarà più larga e sarà indispensabile eliminare più pelle. Per questa ragione, per avere un risultato soddisfacente e che non lasci cicatrici troppo importanti, è bene rivolgersi al chirurgo per tempo.

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Chirurgia plastica e estetica


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies