Primavera: attenzione ai colpi d’aria!

Autore: Prof. Sandro Rossetti
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

Il tempo instabile tipico di questo periodo e la moda che predilige schiene e pance scoperte favoriscono il famoso colpo di freddo o colpo d’aria. Un giovane su tre, infatti, ne è vittima. Il Prof. Sandro Rossetti, esperto in Ortopedia a Roma, consiglia di coprirsi bene per proteggere le proprie ossa

 

 

1) In che modo la moda è complice nel danneggiare le ossa?

Oggi i ragazzi non indossano più la “maglia della salute”, la maglietta o la canottiera intima destinata a proteggere dal freddo.

Oggi le ragazze preferiscono indossare maglie e giacche molto corte, che lasciano scoperte la pancia e la parte bassa della schiena. I ragazzi, invece, indossano pantaloni leggeri e a vita bassa, molto bassa, jeans sia d’estate che d’inverno e giacche così corte da non arrivare nemmeno alla cintura. Sembrerebbe quasi che proteggersi dal freddo non vada di moda!

 

2) Cosa provoca il colpo d’aria?

L’alzamento delle temperature in primavera fa sì che i giovani si scoprano più del dovuto. Il tempo in questo periodo, però, è instabile e il freddo improvviso ha effetti su tutti gli elementi che compongono le articolazioni: ossa, cartilagine, tendini e guaine.  Il colpo di freddo, quindi, provoca contratture ai muscoli lombari e dolori alle ossa e alle articolazioni.

Basti pensare, ad esempio, ad un ragazzo che, dopo aver terminato un’attività sportiva ed essersi fatto una bella doccia calda, sale sul suo motorino senza prestare attenzione a coprirsi la schiena. Le masse muscolari paravertebrali, che hanno immagazzinato calore dallo sforzo fisico e dalla doccia calda, vengono sottoposte ad un pericoloso sbalzo di temperatura. La microcircolazione sperimenta un forte trauma: da una situazione di vasodilatazione (con il caldo i vasi si dilatano per irrorare i muscoli di sangue), si passa velocemente ad una situazione di vasocostrizione causata dal freddo. Questo brusco passaggio provoca delle dolorose contratture muscolari.

Un monito particolare va a quei ragazzi che utilizzano il motorino: in sella ad uno scooter la possibilità di rimanere vittima di un colpo di freddo è altissima e le correnti di freddo si concentrano tutte sulla schiena del guidatore. Inoltre, le ossa vengono sottoposte ad un forte stress a causa delle buche sull’asfalto e delle vibrazioni del veicolo.

Il consiglio dell’esperto è quello di proteggere maggiormente le proprie masse muscolari, per evitare forti dolori e complicanze nell’immediato e nel futuro.

 

Editor Karin Mosca

Prof. Sandro Rossetti
Ortopedia e Traumatologia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies