Salute mentale e disturbi dell’umore

Autore: Dott. Fabrizio Fanella
Pubblicato:
Editor: Sharon Campolongo

Secondo la definizione dell'OMS, la salute mentale è «uno stato di benessere nel quale una persona può realizzarsi, superare le tensioni della vita quotidiana, svolgere un lavoro produttivo e contribuire alla vita della propria comunità». Tuttavia, questo stato di benessere mentale non sempre si riesce a mantenere ed appaiono i cosiddetti disturbi psicopatologici, che sono in costante aumento soprattutto nei paesi industrializzati. Quindi, bisogna capire bene che tipo di disturbi dell’umore esistono e se è possibile curarli. Scopriamolo insieme al Dott. Fabrizio Fanella, specialista in Psicoterapia

Che cosa s’intende per disturbi dell’umore?

I disturbi dell’umore sono una famiglia molto numerosa, in genere si distinguono in:

  • Disturbi dell’umore reattivi,
  • Disturbi dell’umore ciclotimici,
  • Disturbi dell’umore maggiori.

I disturbi dell’umore reattivi sono quelli più comuni e sono legati ad una reazione momentanea di sconforto e tristezza verso un’impossibilità o difficoltà a raggiungere un determinato obiettivo o desiderio. Invece, i disturbi dell’umore ciclotimici sono quelli che alternano periodi di tristezza a periodi di euforia in modo esagerato od incongruo; mentre i disturbi dell’umore maggiori sono quelli più importanti che si identificano con la depressione maggiore.

Chi ne soffre maggiormente e quali sono le cause?

È noto che per queste tipologie di disturbi, esiste una predisposizione genetica, soprattutto quando si tratta delle ciclotimie e del disturbo depressivo maggiore. Ovviamente questi vengono esacerbati da molte concause che, intervenendo sul terreno predisposizionale, generano la patologia.

Quindi, nella salute mentale non influiscono solo fattori personali come la capacità di gestire i propri pensieri, i comportamenti, le emozioni e le relazioni con gli altri, ma anche molti altri fattori che includono quelli sociali, culturali ed economici come:

  • Fattori collegati alla gravidanza e alla nascita 
  • Esperienze della prima infanzia 
  • Ambiente familiare
  • Circostanze sociali 
  • Ambiente fisico 
  • Educazione 
  • Occupazione
  • Condizioni di lavoro 
  • Condizione dell’abitazione

Purtroppo, le persone che soffrono di disturbi dell’umore rappresentano tassi di disabilità e di mortalità più elevati rispetto alla media.

Inoltre, tali disturbi dell’umore peggiorano in presenza di malattie come il cancro, patologie cardiovascolari o infezione da AIDS.

È possibile curare i disturbi dell’umore?

È possibile curare i disturbi dell’umore ed esistono molti protocolli terapeutici, che comprendono quello farmacologico, psicoterapeutico e neuromodulativo. A volte si raggiungono migliori risultati combinando i vari approcci. Inoltre, oggigiorno, viene impiegata la Stimolazione Magnetica Transcranica ripetitiva (rTMS), che rappresenta un eccellente metodo di cura, perché consente la sospensione o la riduzione marcata dei farmaci.

 

Dott. Fabrizio Fanella
Psicologia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Questo sito Web utilizza cookie propri e di terzi per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle pubblicità relative alle sue preferenze, nonché per analizzare le sue abitudini di navigazione..