Tumore della bocca: tutto quello che devi sapere

Autore: Prof. Davide Sozzi
Pubblicato: | Aggiornato: 15/11/2018
Editor: Valentina Rubino

Il tumore alla bocca ha una percentuale di sopravvivenza del 90% se diagnosticato precocemente. Il Prof. Davide Sozzi, esperto in Chirurgia Maxillo-Facciale a Milano, ci spiega come riconoscere i primi campanelli d'allarme.

Che cos’è il tumore della bocca?

Il carcinoma spinocellulare del cavo orale, più comunemente conosciuto come tumore della bocca, può avere origine in qualsiasi parte della cavità orale: lingua, gengive, labbra, guance e palato. Nasce dalla mucosa e può estendersi alle ossa mascellari infiltrandole.

In Italia vengono diagnosticati ogni anno circa 9500 nuovi casi, in maggioranza uomini; si tratta di un tumore molto raro nei giovani, che raggiunge un picco dopo i 60 anni d’età. Come si può ben immaginare, il consumo di tabacco e alcolici moltiplica il rischio di sviluppare un tumore sia in bocca che in gola.

Quali sono le principali cause?

Il tumore della bocca è la principale conseguenza di diverse modificazioni del DNA delle cellule che la formano la mucosa orale. Queste cellule iniziano a riprodursi senza controllo, portando così alla creazione di una massa. I fattori di rischio che aumento la possibilità di sviluppare il tumore sono:

  • Abuso di alcolici
  • Uso di tabacco
  • Scarsa igiene orale
  • Infezioni da Papilloma Virus Umano (HPV)
  • Presenza di denti o protesi dentarie danneggiate

I sintomi del tumore della bocca

Il tumore della bocca può essere curato con successo se viene identificato precocemente. I ritardi diagnostici sono dovuti principalmente alla tendenza di trascurare i sintomi, spesso confusi con altre patologie meno gravi, come, ad esempio, afte, problemi dentali o una parodontopatia localizzata. La sopravvivenza a 5 anni dei pazienti trattati negli stadi iniziali è del 90 %, mentre negli stadi avanzati è circa del 25%.

I principali sintomi di un tumore della bocca sono:

  • Presenza di ulcere o erosioni persistenti o ingravescenti
  • Comparsa di chiazze bianche o rosse sulla superficie della bocca
  • Costante dolenzia irradiata all’orecchio
  • Mobilizzazione dentale rapida
  • Alterazione della sensibilità delle labbra, lingua o palato
  • Difficoltà durante la deglutizione e masticazione
  • Il dolore intenso è un sintomo tardivo
  • Difficoltà a parlare
  • Perdite di sangue dalla bocca
  • Limitazione all’apertura della bocca

Quando una lesione del cavo orale persiste per oltre due settimane, è necessario recarsi dal proprio medico o da uno specialista per sopporsi ai controlli opportuni.

Quali sono i trattamenti per il tumore della bocca?

Il principale trattamento è l’asportazione chirurgica del tumore. L’elevata tendenza a dare metastasi ai linfonodi del collo prevede quasi sempre un intervento di asportazione delle stazioni linfonodali coinvolte o potenzialmente affette. Vista la necessità di eseguire interventi di tipo demolitivo, per la corretta cura della malattia deve essere prevista una chirurgia ricostruttiva delle strutture asportate (lingua, mandibola, guance, mascellare, ecc.) in un unico tempo chirurgico.

Un altro trattamento che può essere associato all’intervento chirurgico, è la radioterapia. Questa prevede l’esposizione del tumore a una sostanziosa dose di radiazioni, che hanno lo scopo di distruggere le cellule tumorali. 

In caso di tumore della bocca, è altamente consigliato l’eliminazione del tabacco e degli alcolici dalla propria vita quotidiana. Oltre a favorire l’insorgere di altre neoplasie, la persistenza di queste abitudini rallenterebbe il processo di guarigione.

Prof. Davide Sozzi
Chirurgia Maxillo-facciale

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies