Amniocentesi


Specializzazione di Ginecologia e Ostetricia

Che cosa è l'amniocentesi?

L'amniocentesi è un esame che viene eseguito durante la gravidanza, per avere informazioni sullo sviluppo del feto.

In che consiste?

Consiste in una puntura alla matrice per ottenere una piccola quantità di liquido amniotico, cioè il sacchetto che avvolge e protegge il feto. Successivamente viene eseguita un'analisi di questo fluido per escludere la presenza di problemi genetici e cromosomici nel bambino, come l'anencefalia, la sindrome di Down, la spina bifida, incompatibilità Rh, o infezioni e disturbi metabolici rari che si trasmettono dai genitori ai bambini.

Perché viene eseguita?

L'amniocentesi è di solito consigliata per le donne che sono considerate a rischio di nascite caratterizzate da anomalie congenite del bambino, perché vi sono antecedenti familiari o disturbi genetici, ad esempio.

Preparazione per l'amniocentesi

La vescica deve essere piena al momento dell'ecografia. In alcuni casi, viene prelevato un campione di sangue prima dell'esame, per determinare il gruppo sanguigno e il fattore Rh. Se la donna incinta è Rh negativo, può essere somministrata un'iniezione di un farmaco conosciuto come immunoglobulina Rho (D). Il giorno dell'esame non è essenziale rimanere a digiuno, anche se è consigliabile aver evacuato l'intestino. Si raccomanda di venire accompagnati.

Come ci si sente durante il test?

Non è un test doloroso, infatti di solito è fatto senza anestesia. L'unico dolore è rappresentato dalla puntura dell'ago. È consigliabile rilassarsi per evitare che il muscolo si contragga e faccia male. In alcuni centri si inietta un'anestesia locale nell'area in cui viene eseguita la puntura.

Rischi dell'amniocentesi

Tra i rischi vi sono infezioni o lesioni al bambino, aborti spontanei, perdite di liquido amniotico o sanguinamento vaginale.

Significato dei risultati anomali

Dei risultati anormali possono indicare che il bambino ha un problema genetico o cromosomico, come la sindrome di Down o anomalie congenite che compromettono la colonna vertebrale o il cervello.

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies