Neurofeedback

Specializzazione di Neurologia

Che cos’è il neurofeedback?

Il neurofeedback, o neuroterapia/neurobiofeedback, è un tipo particolare di biofeedback (un metodo che aiuta ad acquisire consapevolezza delle proprie funzioni fisiologiche per mezzo di determinati strumenti) che mostra in tempo reale l’attività cerebrale con l’obiettivo di insegnare al paziente ad autoregolare le proprie funzioni cerebrali. Il metodo di visualizzazione utilizzato più comunemente è l’EEG, ovvero l’elettroencefalografia.

Perché si esegue?

Il neurofeedback misura le onde cerebrali e produce, a sua volta, un segnale utile per insegnare al paziente ad autoregolare le proprie funzioni cerebrali. Il segnale di solito viene dato sotto forma di suono o video. Viene fornito un feedback positivo per un’attività cerebrale desiderata, mentre per un’attività cerebrale indesiderata viene fornito un feedback negativo. 
Le onde cerebrali sono impulsi elettrici che vengono prodotti quando le cellule del cervello comunicano fra di loro. Tali onde corrispondono a come ci sentiamo, a come agiamo e a come funzioniamo. È possibile farsi un’idea molto precisa delle abitudini, dell’umore e dello stress di una persona semplicemente osservando le onde cerebrali. Il neurofeedback ha l’obiettivo di allenare il cervello a correggere gli squilibri cerebrali o le emozioni croniche che colpiscono le persone nel corso della vita di tutti i giorni. 

In cosa consiste?

Per prima cosa viene effettuata un’analisi approfondita dell’attività cerebrale della persona e vengono identificate le aree di interesse. Una volta identificate è possibile programmare una sessione di neurofeedback. Durante tale sessione il paziente rimane seduto in uno spazio tranquillo con degli speciali sensori posizionati sul capo per controllare l’attività cerebrale. Quindi, viene fornito un feedback che va a rafforzare la funzione delle onde cerebrali che si ritiene ottimale. Il neurofeedback non è invasivo e funziona manipolando il cervello, ovvero senza indurre cambiamenti con la forza. 

Preparazione per il neurofeedback

Prima del neurofeedback è essenziale sottoporsi a una valutazione approfondita con un professionista qualificato che sia in grado di valutare il paziente in modo corretto e di spiegare la procedura. 

Recupero postintervento 

Non vi è alcuna particolare cura postoperatoria da seguire se non quella di assicurarsi di partecipare alle altre sessioni programmate. 

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies