Varici

Specializzazione di Angiologia

Cosa sono le varici?

Le varici, o vene varicose, sono vene dilatate in modo tale che si possono vedere in rilievo sopra la pelle. Questi vasi infiammati sono spesso di un colore viola o bluastro e appaiono in particolare nelle donne, nelle zone del polpaccio e nella parte interna delle gambe. Anche se il tipo più comune di vene varicose è quella nelle gambe, esistono anche altri tipi di vene varicose come le vene del ragno (o teleangectasie), che compaiono soprattutto nelle gambe, ma interessano vene più piccole. Ci sono anche le vene dilatate nell'esofago, nella regione anale come le emorroidi, o nei testicoli come il varicocele.

I sintomi delle varici

L'indicatore principale delle vene varicose è la visibilità costante della varice nella gamba. Inoltre l'affetto da varicidi solito presenta i seguenti segni:

  • Gonfiore delle caviglie e dei piedi.
  • Pesantezza e dolore alle gambe.
  • Prurito alle gambe, soprattutto nella zona delle caviglie.
  • Crampi e fitte alle gambe.

Le cause delle varici

Le varici si verificano quando le vene non portano correttamente sangue al cuore. Questo si accumula nelle vie venose, ed è per questo che le vene si dilatano e ostruiscono. Le arterie e i capillari incanalano il sangue ricco di ossigeno dal cuore verso tutto il corpo, e questo passa poi attraverso le valvole venose e torna al cuore. Talvolta, le valvole che devono lasciar filtrare il sangue si indeboliscono e perdono di elasticità. A causa di questo evento le vene tendono a riempirsi del sangue che non è circolato correttamente, e a gonfiarsi. Dilatandosi le vene si ritorcono per adattarsi al loro normale spazio, e si formano vene varicose.

Le varici possono essere evitate?

Poiché le vene varicose sono dovute a problemi circolatori, mantenere una buona circolazione può essere un efficace metodo per prevenire le vene varicose. Pertanto, evitare uno stile di vita sedentario e condurre una buona dieta a basso contenuto di grassi saturi, oltre a frequenti impacchi di acqua fredda alle gambe, possono migliorare la circolazione e prevenire le vene varicose. Una volta che sono apparse, se ne può prevenire il peggioramento con misure simili, come ad esempio evitare una prolungata posizione a sedere o in piedi, evitare di accavallare le gambe quando si è seduti, tenere le gambe verso l'altro quando si è sdraiati, fare attività fisica, limitare il peso, evitare di indossare abiti aderenti o tacchi alti. Aiuta anche massaggiare le gambe in senso ascendente, procedendo verso il cuore, e se il medico lo consiglia è possibile utilizzare calze a compressione.

Trattamento per rimuovere le varici

Attualmente ci sono diversi trattamenti per le vene varicose, che sono fatti sia per fini estetici che per alleviare i sintomi di dolore e pesantezza:

  • La fleboestrazione è l'intervento chirurgico finalizzato alla rimozione delle vene varicose alle gambe. Di solito è eseguita in anestesia generale o anestesia rachidea, con cui solo la metà del corpo è addormentata.
  • L'ablazione endovenosa di varici è un intervento chirurgico che utilizza radiofrequenza o laser per chiudere le vene varicose. Questo intervento è meno invasivo e più sicuro rispetto alla rimozione di vene varicose.
  • L'Ecosclerosi con mousse è la tecnica più recente, che viene presentata come alternativa alla chirurgia. Comporta l'iniezione di schiuma nelle vene in modo che esse si restringano e scompaiano.

È importante curare le vene varicose al di là di una questione estetica, in quanto è un problema di salute e di circolazione sanguigna.

Video collegati a Varici


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies