Allenarsi in spiaggia: ecco come farlo in sicurezza!

Autore: Prof. Sandro Rossetti
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

Con le vacanze sono molti gli sportivi, professionisti e non, che decidono di spostare l’allenamento in spiaggia. Attenzione, però, al terreno dissestato e irregolare! Ecco i consigli del Prof. Sandro Rossetti, esperto in Ortopedia e Traumatologia a Roma, per stare in forma senza rischi

 

 

1) Perché è importante stare attenti quando ci si allena in spiaggia?

L’estate e la spiaggia possono nascondere tranelli e rischi. È chiaro che svolgere attività sportiva in spiaggia non è la stessa cosa che su un campo: l’instabilità del terreno, infatti, aumenta i rischi per le nostre articolazioni.

Gli sport estivi più praticati sono calcetto, beach-tennis e pallavolo, tutti sport in cui le ginocchia e le caviglie sono altamente sollecitati. Se non si è allenati, il rischio di farsi male è molto più elevato: i muscoli ed i tendini non sono elastici ed è facile che non siano in grado di proteggere adeguatamente le articolazioni.

 

2) Quali sono gli infortuni più frequenti in spiaggia?

Gli infortuni più frequenti sono le distorsioni di caviglia e ginocchio. Altri traumi frequenti sono quelli muscolari (distrazione, stiramenti, strappi).

Le distorsioni possono essere di vario grado e comportano conseguenze diverse, dalle più banali (pochi giorni di riposo) alle più importanti, con lesioni che possono avere necessità anche di trattamento chirurgico (per lo più artroscopico).

 

3) Quali sono i consigli per allenarsi in spiaggia in sicurezza?

Ecco i 5 consigli dell’Ortopedico per praticare sport in spiaggia in sicurezza:

  1. Non praticare sport in spiaggia se non si ha un minimo di preparazione fisica.
  2. Se non ci si può esimere dall’attività sportiva, scegliere uno sport praticato in passato. Conoscere il gesto tecnico è importante per evitare infortuni.
  3. Effettuare sempre un riscaldamento adeguato: fare alcuni minuti di stretching per allungare le fibre muscolari.
  4. Evitare le ore più calde della giornata.
  5. Se possibile, indossare calzature che proteggano almeno le caviglie.

 

Editor Karin Mosca 

Prof. Sandro Rossetti
Ortopedia e Traumatologia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies