Come si previene la trombosi?

Autore: Prof. Raffaele Landolfi
Pubblicato:
Editor: Giulia Boccoli

Le buone abitudini di vita e gli interventi farmacologici possono aiutare a prevenire la formazione di trombi nelle arterie e nelle vene: ecco i consigli del Prof. Raffaele Landolfi, esperto in Medicina Interna a Roma

 

La trombosi è la formazione di un coagulo all’interno dei vasi sanguigni. Quando il trombo si forma in un’arteria del cuore o del cervello può causare infarto o ictus e avere conseguenze sulla funzione di questi organi. 

 

La trombosi venosa interessa più tipicamente le vene delle gambe e provoca gonfiore e senso di peso. A seconda delle vene interessate può essere una patologia minore o compromettere la circolazione degli arti inferiori. In alcuni casi, il trombo venoso può ostruire una o più rami delle arterie polmonari, determinando un’embolia polmonare. L’immobilità predispone alla trombosi venosa; ipertensione, diabete e ipercolesterolemia a quella arteriosa. La vita sedentaria, il fumo e il sovrappeso aumentano il rischio per entrambi i tipi di trombosi. 

 

Per proteggersi è importante mantenersi in forma: camminare 30 minuti al giorno ha effetti benefici su peso, pressione, metabolismo e riposo notturno e favorisce l’acquisizione di abitudini sane quali un’alimentazione meno ricca di calorie, grassi e sodio e più ricca di liquidi, frutta, verdura e pesce. In presenza di ipercolesterolemia, diabete o ipertensione è necessario curare bene queste condizioni, mentre le persone che hanno già avuto una trombosi possono usare farmaci come aspirina e anticoagulanti per evitare recidive. 

 

Prof. Raffaele Landolfi
Medicina interna

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies