Cos'è la vaginoplastica e come si svolge l'operazione?

Autore: Top Doctors®
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

La chirurgia intima è una procedura molto comune in grado di risolvere problemi come l’incontinenza urinaria con interventi laser di ringiovanimento vaginale

 

Gli interventi di chirurgia intima sono diventati sempre più comuni nelle donne: si stima infatti che negli ultimi in Italia la richiesta di questo tipo di trattamento sia aumentata del 70%. A causa di condizioni quali prolasso genitale (discesa degli organi pelvici), ampiezza vaginale, incontinenza urinaria o disturbi della sessualità, oggigiorno la chirurgia intima (vaginoplastica, liposcultura del pube, ringiovanimento vaginale) è diventata una specialità fondamentale della Chirurgia Plastica ed Estetica.

Perché sottoporsi ad un intervento di chirurgia intima?

Gli interventi di chirurgia intima vengono richiesti per vari motivi:

 

  1. Disturbi sessuali: il principale motivo per cui una donna decide di sottoporsi ad un intervento di ringiovanimento vaginale riguarda la sfera sessuale. Infatti, è molto comune nelle donne non riuscire più a godere nell’atto sessuale, avendo perso elasticità e controllo della vagina. L’intervento di ringiovanimento vaginale si realizza sotto anestesia epidurale e dura all’incirca un’ora. La paziente deve rimanere ricoverata per almeno 24 ore e può tornare alle sue normali abitudini dopo circa 4 settimane.
  2. Disturbi fisici: la chirurgia intima femminile è un grande alleato per tutte quelle donne che non riescono più a provare piacere durante l’orgasmo, che soffrono di incontinenza urinaria o che, a causa del parto naturale, hanno subito cambi o lesioni del pavimento pelvico. La distensione vaginale, ad esempio, è un problema molto comune per il quale in passato non esisteva soluzione. Oggigiorno, la chirurgia laser di ringiovanimento vaginale è diventato uno degli interventi laser più comuni, in grado di ridurre il diametro della vagina e rinforzare i muscoli pelvici.
  3. Problemi estetici: secondo alcune statistiche, il cliente medio è una donna di circa 52 anni con figli, di mentalità aperta e sessualmente attiva, con il desiderio di recuperare il tono vaginale. Queste donne però non sono le uniche: infatti, anche molte giovani mamme decidono ricorrere al ringiovanimento vaginale a causa di una mancanza di collagene nella zona interessata per questioni genetiche. Le donne che si sono sottoposte a questa chirurgia assicurano di aver recuperato la soddisfazione sessuale dopo l’intervento.

Chirurgia estetica intima

In molti casi l’intervento di chirurgia intima in donne giovani comprende anche un rimodellamento della zona genitale (grandi labbra, piccole labbra e perineo) per risolvere problemi estetici: si ricorre ad esempio alla Labioplastica (intervento che rappresenta circa il 60% del totale delle chirurgie intime) per correggere asimmetrie o ridurre il volume delle piccole labbra.

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Chirurgia plastica e estetica


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies