Il bagno di dialisi come farmaco per l’insufficienza renale

Autore: Dott. Luigi Vernaglione
Pubblicato:
Editor: Marta Buonomano

Per chi soffre di insufficienza renale terminale è indicata la dialisi, un trattamento in cui il sangue viene ripulito dalle tossine. Il Dott. Luigi Vernagione, esperto in Nefrologia a Brindisi, ci illustra in cosa consiste 

Cosa s’intende per bagno di dialisi?

Il bagno di dialisi è quel liquido che viene creato nella macchina di dialisi miscelando acqua ultrapura (proveniente dalla rete idrica e trattata con osmosi inversa, filtrazioni e disinfezioni varie) e sacche di soluzioni saline a diversa concentrazione di ioni (sodio, potassio, calcio, magnesio, cloro, bicarbonati).

In cosa consiste un circuito di dialisi?

Il bagno di dialisi così creato online dalla macchina, scorre nel filtro di dialisi controcorrente rispetto al flusso di sangue nello stesso filtro. Il sangue ed il bagno dialisi sono separati dalla membrana del filtro di dialisi e, attraverso questa, avvengono gli scambi osmotici tra sangue e bagno: le tossine e gli ioni in eccesso passano dal sangue al bagno di dialisi, mentre ciò che deve essere ricostituito nel paziente passa dal bagno di dialisi al sangue. Il circuito di dialisi è composto da tubi in plastica che conducono il sangue dal paziente ad un filtro di dialisi chiamato dializzatore (ne esistono di diversi materiali e metrature), il dializzatore (le cui membrane sintetiche sono comunque derivati di cellulosa) e da tubi che portano il sangue dal dializzatore al paziente.

Per quali pazienti è indicata l’emodialisi?

La dialisi è indicata in pazienti con insufficienza renale terminale. Vale a dire quei pazienti in cui è andata completamente perduta la capacità dei reni di espellere con le urine le tossine prodotte dall'organismo o di mantenere costanti le concentrazioni di sodio, potassio, calcio, fosforo ed altre sostanze. In questi pazienti, mettere il sangue a contatto attraverso la membrana del dializzatore, con il bagno di dialisi in cui le concentrazioni degli ioni sono note e gestibili, supplisce l'incapacità dei reni a fare questo in maniera fisiologica.

 

Dott. Luigi Vernaglione
Nefrologia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies