L'Ortodonzia: un trattamento senza limiti di età

Autore: Top Doctors®
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

L’ortodonzia è una branca dell’odontologia che si dedica principalmente alla diagnosi, al trattamento e alla prevenzione del mal posizionamento dei denti. Ciò che si cerca di ottenere è una buona armonia fra le ossa mascellari, i denti e le labbra per ottenere un sorriso ottimale dal punto di vista estetico e che possa durare a lungo nel tempo. Grazie alla collaborazione dei nostri esperti in Odontoiatria, l’articolo ci parla dei trattamenti ortodontici

A quale età si può incominciare un trattamento ortodontico?

In linea generale non vi è alcun limite d’età per iniziare il trattamento. Generalmente questi trattamenti iniziano a partire dai 6 anni, ovvero quando i giovani pazienti collaborano meglio. Iniziando tempestivamente i trattamenti è possibile evitare problemi futuri e seguire il trattamento ortodontico e, quindi, il paziente, mediante strumenti specifici. In questo modo, si potranno risolvere alcuni fastidi, come l’apnea notturna nei bambini (si liberano le vie aeree).

 

In quali casi si possono usare apparecchi mobili e in quali occorre invece l’apparecchio fisso?

L’ortodonzia mobile, ovvero l’apparecchio mobile, è abbastanza praticata, come nel caso in cui occorre espandere maggiormente la mascella superiore. L’ortodonzia mobile viene accompagnata da strumenti che stimolano la crescita dell’osso nel bambino; recentemente, vengono utilizzati gli apparecchi Invisalign, ovvero una serie di apparecchi mobili che vengono sostituiti gradualmente, in grado di correggere il mal posizionamento dei denti. Nel caso in cui si voglia effettuare un trattamento più incisivo e completo, vengono utilizzati i bracket che garantiscono un risultato ottimale e sicuro.

 

In quali casi è necessario abbinare l’ortodonzia con la chirurgia ortognatica?

L’utilizzo dei trattamenti ortodontici e chirurgici, in particolare quello ortognatico, è necessario quando si vogliono correggere difetti estetici e problemi funzionali. Per effettuare tali trattamenti ci si rivolge al chirurgo maxillo-facciale e il trattamento viene suddivido in 3 fasi: vi è una frase pre-chirurgica durante la quale viene corretta la posizione dei denti. Segue la fase chirurgica, grazie alla quale il chirurgo maxillo-facciale interviene sulle ossa mascellari. Infine, si segue una terapia ortodontica per finalizzare la correzione del problema.

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Odontoiatria


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies