La Vertigine Parossistica Posizionale Benigna o Cupulolitiasi

Autore: Prof. Vincenzo Vincenti
Pubblicato:
Editor: Marta Buonomano

Hai mai sentito parlare di Vertigine Parossistica Posizionale Benigna? Il nostro esperto in Otorinolaringoiatria a Parma, il Prof. Vincenzo Vincenti, ci spiega di cosa si tratta

Che cosa è la vertigine?

Donna con dolore alle orecchiePer vertigine si intende un’erronea sensazione di movimento dell’ambiente rispetto al corpo (vertigine oggettiva) o del corpo rispetto all’ambiente (vertigine soggettiva). Nella maggior parte dei casi è dovuta a problematiche che interessano l’orecchio interno e, precisamente, la parte deputata al mantenimento dell’equilibrio, chiamata labirinto.

La forma in assoluto più frequente di vertigine legata all’orecchio è quella chiamata Vertigine Parossistica Posizionale Benigna (VPPB) o Cupulolitiasi.

A che cosa è dovuta la VPPB?

La VPPB è causata dal distacco degli otoliti (piccoli cristalli di carbonato di calcio normalmente presenti sulle cellule del vestibolo) dalla loro sede naturale e dal loro ingresso in uno dei 3 canali semicircolari (solitamente il posteriore, meno frequentemente il laterale, raramente il superiore) del labirinto.

Perché si staccano gli otoliti?

Il più delle volte non c’è una causa evidente; in alcuni casi viene riportato un trauma cranico nei giorni precedenti. La VPPB è comunque più frequente nei diabetici, nei tireopatici, nei soggetti che hanno subito interventi all’orecchio e in presenza di carenza di vitamina D.

Come si manifesta la VPPB?

La VPPB si manifesta con una vertigine, solitamente oggettiva, della durata dell’ordine dei secondi (5-40), scatenata da alcuni movimenti (girarsi nel letto, sdraiarsi, passare dalla posizione supina a quella seduta, piegare la testa verso il basso o verso l’alto). Spesso è presente anche instabilità.

donna con le mani sulle orecchieCome si fa diagnosi di VPPB?

La diagnosi si basa sulla storia clinica e sull’esecuzione di alcune manovre che servono a riprodurre le situazioni che provocano la vertigine; durante tali manovre, se in effetti è presente una VPPB; il paziente avverte la vertigine e l’esaminatore nota un movimenti particolare degli occhi che si chiama nistagmo. A seconda della posizione in cui compare la vertigine e del tipo di nistagmo, lo specialista è in grado di identificare l’orecchio (destro o sinistro) e il canale (posteriore, laterale o superiore) interessati.

Qual è la terapia della VPPB?

La terapia consiste nell’effettuazione delle cosiddette manovre liberatorie: in pratica, facendo assumere al paziente determinate posizioni, si cerca di far uscire gli otoliti dal canale semicircolare. Esistono diversi tipi di manovre che vengono eseguite in base al canale semicircolare interessato; nella maggior parte dei casi è sufficiente una manovra mentre in alcuni paziente bisogna ripeterle più volte.

Nei soggetti con carenza di vitamina D viene consigliato un apporto esterno, mentre per ridurre l’instabilità, che si può avere anche dopo le manovre, vengono consigliati farmaci istaminergici.

Prof. Vincenzo Vincenti
Otorinolaringoiatria

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Questo sito Web utilizza cookie propri e di terzi per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle pubblicità relative alle sue preferenze, nonché per analizzare le sue abitudini di navigazione..