Osteointegrazione: orizzonti nuovi e più sicuri

Autore: Prof. Massimo Simion
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

Cosa vuol dire “osteointegrazione” nel XXI secolo?  Ne parla il Prof. Massimo Simion, esperto in Odontoiatria a Milano 

L’osteointegrazione ci ha fornito uno dei più predicibili trattamenti nella medicina dentale, caratterizzata da una percentua­le di successo superiore al 95%. 

Tuttavia, la situazione è cambiata. Sempre più pazienti vengono nei nostri studi con gravi infiammazioni dei tessuti perimplantari asso­ciate a grave e progressiva perdita di osso. 

Ma analizziamo le tappe: tra gli anni 60 e 80 il professor Branemark sviluppò il concetto di osteointegrazione e, fino agli anni 2000, tale sistema venne usato estensivamente e con successo in tutto il mondo per trattare migliaia di pazienti totalmente e parzialmente edentu­li. Una particolare caratteristica del sistema fu l’uso di un impianto cilindrico con una filettatu­ra singola e una superficie relativamente liscia.

 

A partire dagli anni 2000, i produttori di impianti hanno iniziato a proporre le cosiddette “superfi­ci attive”, ovvero superfici rugose. Lo scopo era quello di promuovere un’osteointegrazione mi­gliore e più rapida, permettendo una guarigione più veloce prima del caricamento dell’impianto (o in alcuni casi del carico immediato). A par­tire dal 2005, tuttavia, una percentuale sempre maggiore di pazienti iniziò a mostrare infiam­mazioni dei tessuti peri-implantari con una pro­gressiva perdita di osso.

 

La nostra fiducia nel trattamento implantare è quindi diminuita: non ci sentiamo più sicuri nel dire ai nostri pazienti “I vostri impianti funzio­neranno per tutta la vostra vita”.

Pertanto, ritengo che ricercatori, clinici e aziende, dovranno prendersi la responsabilità collettiva di ritornare al concetto tradizionale di Branemark di un impianto con almeno il 50% di superficie liscia nella sua porzione più vicina alla gengiva, e che venga caricato solo dopo un sufficiente periodo di tempo per far sì che l’osso si integri con l’impianto.

 

Prof. Massimo Simion
Odontoiatria

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies